Rizzo 2
BANNER AGRI SERVICE LATERALE
BANNER AGRI SERVICE LATERALE
BANNER AGRI SERVICE

IL FALLIMENTO DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE DI EMILIANO

LIfe Sanitaria
531
genko

Il Servizio Sanitario della Puglia storicamente basato su:

-una molteplicità di strutture ospedaliere, all’inizio del 21° secolo nella Regione erano attivi ben oltre cento ospedali pubblici, alle quali vanno aggiunte le numerose strutture ospedaliere private;

Rizzo Salus

-una rete di assistenza territoriale, costituita essenzialmente dagli ambulatori dei medici di medicina generale/pediatri di libera scelta e, in misura minore, da ambulatori specialistici distrettuali;

non è riuscito nel corso degli anni a garantire a tutti i pugliesi quei servizi essenziali ed indispensabili per la tutela della salute. Ne sono la prova gli innumerevoli viaggi della speranza di tanti pugliesi verso le strutture sanitarie del Nord e l’incapacità della medicina di base a dare risposte qualificate ed immediate ai bisogni giornalieri della popolazione.

  
La riqualificazione dell’assistenza sanitaria pugliese voluta da Emiliano è tutta orientata ad offrire prestazioni assistenziali legate all’emergenza/urgenza e alle patologie acute con l’obiettivo di rispettare gli standard stabiliti dalla programmazione nazionale attraverso una consistente riduzione del numero degli ospedali (attualmente 42 presidi pubblici) e del numero di posti letto e marginalmente al potenziamento dell’assistenza sanitaria territoriale. Eppure gli obiettivi strategici contenuti nel Piano Regionale Sanitario mirano a perseguire la riduzione del numero dei ricoveri impropri negli ospedali per acuti e la riduzione della durata di degenza dei ricoveri attraverso una rete territoriale efficace ed efficiente di servizi sanitari e sociali, che di fatto non è stata centrata, ed il potenziamento della medicina del territorio.

Ciò non è stato realizzato per diverse motivazioni, in particolare:


1. Salvo poche eccezioni (rari ospedali di comunità, etc) non vi è stato il contemporaneo potenziamento della medicina del territorio, in termini di risorse umane e materiali e modalità organizzative, per far fronte alle necessità assistenziali derivanti dai bisogni sanitari prima soddisfatti, sia pure in maniera inappropriata, dalle strutture ospedaliere disattivate nell’ultimo decennio;

2. Il riordino ospedaliero si è limitato, nei fatti, alla disattivazione di piccole e spesso fatiscenti strutture, senza tenere in debito conto che l’efficienza degli ospedali va perseguita e valutata su requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi (come ben documentato dalle normative nazionali e regionali in materia di accreditamento);

Infatti rispetto ai:


a) requisiti strutturali: l’attuale rete ospedaliera (circa 42 ospedali per poco più di 4 milioni di residenti) è ancora pletorica e obsoleta: alcuni ospedali risalgono addirittura ad oltre un secolo.

genko

È urgente ed indifferibile la costruzione di nuovi ospedali, un ospedale di almeno 400 posti letto per ogni bacino di 200 mila abitanti, così come previsto dal Piano Regionale della Salute;                                          



b) requisiti tecnologici: salvo pochi atti regionali di programmazione per alcune grandi tecnologie (es. PET/TAC) molte ancora da realizzare, è urgente un Piano regionale delle tecnologie biomediche, che permetta alle strutture sanitarie di utilizzare con efficienza quanto viene offerto dalla scienza e dalle

tecnologie biomediche;



c) requisiti organizzativi: la storica carenza di personale medico e sanitario non ha mai permesso l’attuazione di modelli organizzativi che permettessero la piena funzionalità nelle 24 ore delle strutture. Il pensionamento di un elevato numero di medici, personale sanitario e tecnico avvenuto in questi ultimi anni ha aggravato ancora di più la situazione: si rischia la chiusura di molte unità operative per mancanza di un numero sufficiente di personale sanitario in grado di garantire i turni e assicurare il servizio. Rispetto agli standard nazionali per specialità il numero di medici per posto letto è scandalosamente al di sotto dei livelli minimi essenziali;



La Regione Puglia per assistere una popolazione sempre più vecchia ha mal pianificato la sua spesa sanitaria perché non ha finanziando e potenziando le reti di assistenza, secondo le richieste e le esigenze che venivano dal territorio.

La sanità voluta da Emiliano ha creato pertanto da un lato un limitato numero di grandi centri ospedalieri e dall’altro ha previsto una discutibile rete territoriale di servizi al solo fine di evitare il ricovero in ospedale. Una rete che si è rivelata inefficiente ed inefficace ed in alcuni casi addirittura fallimentare ed inesistente tanto che molti malati spesso rimangono in casa senza assistenza e senza cure.

I nodi della sanità pugliese venuti al pettine in questi giorni ed i problemi vissuti dalla popolazione a seguito della diffusione del coronavirus mostrano quanto le scelte fatte da Emiliano siano risultate sbagliate.

La Giunta regionale in questi giorni è corsa ai ripari adottando un nuovo schema di riordino della rete ospedaliera pugliese che per quanto si è potuto apprendere continua a non risolvere il problema della tutela dalla salute dei pugliesi; esso risulta essere non uno strumento di programmazione sanitaria ma un mero strumento elettorale.

Le emergenze verificatesi a seguito della diffusione della pandemia da coronavirus obbligano la Regione Puglia a rivedere molte scelte sbagliate fatte sia da Emiliano ma anche dai suoi predecessori. La soluzione non può essere certo l’aumento dei posti letto di terapia intensiva e qualche “marchetta elettorale contenuti nel provvedimento adottato. Va riconsiderata l’importanza e l’utilità di molti ospedali chiusi, compreso quello di Nardò, che dovranno essere riaperti e ridestinati nell’ambito di uno strategico piano a far parte di una nuova e più efficiente rete ospedaliera regionale dotata di spazi e risorse umane in grado di offrire efficienti ed immediate prestazioni assistenziali legate all’emergenza/urgenza, di laboratori attrezzati per la diagnostica ma anche di risorse umane e tecnologiche in grado di fornire servizi essenziali, di fare  ricerca e non per ultima realizzare una efficiente riorganizzazione della medicina generale. Per una sanità in grado di rispondere alle esigenze del territorio pugliese è necessario che Emiliano, che ricopre anche la carica di assessore regionale alla sanità, avvii un confronto serrato ed immediato con il Governo nazionale e chiedere di utilizzare i fondi stanziati dall’ UE per la Sanità per finanziare un efficiente piano sanitario pugliese.

La pandemia che stiamo vivendo ci insegna che è necessario disegnare e realizzare con urgenza un nuovo modello di sanità regionale per garantire con certezza il diritto alla salute ed una corretta e qualificata assistenza sanitaria a tutti. Ciò anche per evitare di trovarci in un prossimo futuro a vivere momenti di forte apprensione come successo nei mesi scorsi. Rino Dell’Anna   Coordinamento Italia Viva Nardò

genko gif
LIfe Sanitaria
BANNER AGRI SERVICE

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.