genko
RIZZO LATERALE
RIZZO LATERALE
BANNER AGRI SERVICE

BLOCCA LA STRADA PER UN GELATO. BOTTE DA ORBI IERI POMERIGGIO A S.M. AL BAGNO

LIfe Sanitaria
22
genko

Passeggiata domenicale con mazzate nella piazzetta di Santa Maria al Bagno. Tutto inizia con un tipico atto di prepotenza. Un uomo di mezza età parcheggia il suo macchinone a ridosso della curva che costeggia l’area pedonale. Ha deciso che è il momento giusto per comprarsi una leccornia, tutti gli altri possono aspettare. Così scende dalla station wagon bianca e nuovissima e si dirige in gelateria. Passano i minuti e dietro si forma una fila chilometrica che raggiunge il lungomare Lamarmora e addirittura le Quattro colonne. Del resto è l’orario di punta. Suonano tutti il clacson. Ma l’uomo se ne frega. È in fila per il suo gelatino delle 16.30. Così, pazientemente, un automobilista che è in fila dietro di lui sin dall’inizio decide di scendere dall’auto e dirigere il traffico.

genko gif

Altri cittadini di passaggio lo aiutano nell’impresa: passi tu? No, passi lei. E il traffico si muove. Ma quando gli automobilisti passano e vedono che c’è un’auto parcheggiata male, come minimo imprecano ed inveiscono. All’interno, però, la donna rimasta seduta al posto del passeggero non fa una piega: pregusta solo il cono che sta per arrivare. Pazientemente qualcuno, a turno, riesce ad attraversare la piazza ma la situazione è veramente fuori controllo. Finché non torna lui: mocassino scamosciato, giubbino di pelle, camicia candida, capello tinto e baffetto da sparviero. Pistacchio e nocciola per lui, crema e bacio per la gentile signora. Lo guardano tutti in cagnesco e la scintilla scoppia subito: botte da orbi al primo signore, più anziano, che gli rimprovera che il suo non è stato un comportamento civile. Poi botte pure anche ad un ragazzone formato gigante che tenta di fargli capire quant’è stupido.

genko

Un’impresa. L’automobilista incivile lo prende per gola e lo minaccia pesantemente riempiendolo di insulti. Il colosso, però, come nella migliore tradizione è pure un buono e non lo stende per compassione. Alcuni genitori chiedono all’uomo di andar via perché i bambini si stanno spaventando. La storia si conclude con l’uomo più anziano che corre a farsi medicare perché ha il volto tumefatto ed insanguinato. La chiamata ai carabinieri parte dai cellulari di molti dei presenti ma parte a tutto gas anche il prepotente che abbandona in fretta la piazza. Resta la sua targa impressa nei cellulari e la cronaca dell’accaduto. E la speranza che il gelato, nel frattempo, gli sia pure colato sulla camicia.

genko gif
LIfe Sanitaria
BANNER AGRI SERVICE