DISINFORMAZIONE, CATTIVA INFORMAZIONE, INFORMAZIONI SBAGLIATE , LIBERTÀ DI STAMPA E NARRAZIONI MANIPOLATIVE? LE FAKE NEWS CHE INTENSIFICANO LA REPRESSIONE E MINACCIANO LA DEMOCRAZIA.

3.139

 

Di Benito Mirra, Information & Cyber Security Advisor

L’ autocratizzazione e la corruzione o la perdita di legittimità delle istituzioni democratiche, la restrizione della libertà di azione della società civile e la diffusione di informazioni fuorvianti e false possono scuotere le fondamenta di una democrazia. I sistemi democratici sono influenzati dal contesto storico/sociale, dalle realtà geopolitiche di un Paese e dal clima politico e sono multiformi e adattabili. Ma la democrazia non è un successo infallibile. Deve essere combattuto, riempito di vita e rinnovato, e deve affrontare costantemente nuove sfide. Diverse tendenze e sfide stanno interessando la democrazia e democratizzazioni. Questi includono la responsabilità, l’emancipazione dei diritti umani, un panorama mediatico libero e plurale, la partecipazione politica e l’impegno attivo della società civile, che rafforzano le loro fondamenta ed evolvono insieme a loro.

La disinformazione e la cattiva informazione inquinano lo spazio dell’informazione in tutto il mondo. La tendenza alla manipolazione dei fatti sconvolge la comunicazione pubblica e, di conseguenza, anche i processi democratici nelle società. Questo tipo di informazioni non è un fenomeno nuovo, certo, ma la proliferazione dei social media ne ha fatto un problema più urgente. Nel regno della politica, la disinformazione e la “malinformazione” hanno il potere di influenzare i processi politici. Ciò è particolarmente vero nei paesi in cui l’alfabetizzazione mediatica è scarsa e nei paesi in cui la democrazia è fragile e questo tipo di informazioni è spesso utilizzato come mezzo per screditare coloro che si oppongono agli interessi del governo e delle imprese esprimendo la propria opinione di opposizione, organizzando azioni, denunciando la corruzione e violazioni dei diritti umani e richiesta di responsabilità da parte degli attori statali. Pertanto, questo tipo di informazioni ha il potere di diffondere narrazioni negative sulla società civile in tutto il mondo che sono oggetto di attacchi e campagne su Internet che diffondono false informazioni.

Il fenomeno della disinformazione ed i loro effetti sulla sfera politica e sociale.

Le fake news sono “articoli di notizie che sono consapevolmente e dimostrabilmente falsi e che hanno il potere di fuorviare i lettori” per due motivi significativi: il primo è materiale, poiché i post online sui social possono generare entrate significative quando gli utenti visitano determinati siti Web, mentre l’altro è puramente ideologico, poiché genera supporto per i candidati politici e per i partiti. Ci sono però anche “parenti stretti” delle fake news, ad esempio: errori non intenzionali nella segnalazione, voci non derivate da uno specifico articolo di cronaca, teorie del complotto (che, per loro stessa natura, sono difficili da verificare come vere o false e i cui ideatori di solito le ritengono vere), è improbabile che la satira venga interpretata erroneamente come reale, dichiarazioni false da parte dei politici e rapporti parziali o fuorvianti ma non del tutto falsi.

Le fake news si presentano quindi anche in diverse forme come ad esempio: notizie satiriche, disinformazione, informazione sbagliate, malinformazione, manipolazione, pubblicità ingannevole e propaganda di Stato. Le fake news si nascondono dietro una facciata di legittimità perché appaiono abbastanza credibili e perché sono inquadrate dalla fonte come notizie vere e possono essere intese come un contesto intenzionalmente fuorviante utilizzato per imitare contenuti giornalistici, con l’obiettivo principale di generare profitto. Le fake news diventano così la creazione e la condivisione di messaggi attraverso i social media, e che hanno lo scopo di influenzare l’opinione degli utenti su un determinato argomento e orientarla in una certa direzione.

Ci sono tuttavia alcune differenze tra i tipi di informazioni dal punto di vista del danno e della scorrettezza. La disinformazione contiene informazioni errate e generate intenzionalmente rivolte a una persona, un gruppo sociale, un’organizzazione o un paese danneggiato, la cattiva informazione fornisce informazioni false generate ma non con l’intento di causare danni, le informazioni sbagliate invece forniscono informazioni basate sulla verità utilizzate per danneggiare un individuo, un’organizzazione o un paese. Questi 3 termini non sono però da confondere nella definizione di fake news, è importante distinguere non solo le segnalazioni vere da quelle false, ma anche le segnalazioni create con l’intento prodotto e diffuso per arrecare danno, dai messaggi che non hanno tale scopo.

Da sottolineare la definizione di fake news dell’ Ethical Journalism Network2: “Informazioni deliberatamente falsificate e pubblicate con l’intenzione di indurre gli altri a credere a falsità o a contestare fatti verificabili”. (L’Ethical Journalism Network (EJN) si descrive “come una rete di media internazionale creata per promuovere l’istruzione, in particolare l’etica e l’educazione ai diritti umani”. È costituito da una coalizione di oltre 70 gruppi di giornalisti, editori, editori di giornali e sostenitori dei media provenienti da tutte le parti del mondo)

Ma è soprattutto in una crisi come una guerra che la libertà di stampa è essenziale, in considerazione dei drammatici sviluppi che coinvolge tutto il pianeta, le persone devono essere in grado di ottenere informazioni da una varietà di fonti e anche di mettere in discussione criticamente le azioni delle autorità. Troppi governi stanno reagendo a questa crisi con riflessi autoritari come censura, sorveglianza, repressione e disinformazione. Chiunque limiti la segnalazione indipendente in questo momento non solo aumenta l’incertezza, ma espone anche le persone a pericoli molto reali.

Continua a crescere cosi’ la sfiducia nei confronti dei media sospettati di trasmettere o pubblicare notizie contaminate da informazioni inaffidabili. Secondo l’Edelman Trust Barometer, che studia la fiducia del pubblico nelle istituzioni, il 57% delle persone intervistate nel suo ultimo sondaggio internazionale ritiene che i media utilizzati siano contaminati da informazioni inaffidabili, questo ha causato atti di violenza fisica più gravi e frequenti con un livello di paura senza precedenti in alcuni paesi. I leader politici e coloro che sono loro vicini continuano a fomentare apertamente l’odio nei confronti dei giornalisti che minati da questa crisi di fiducia, diventano il bersaglio della rabbia del pubblico durante le grandi proteste di piazza che si svolgono in molte parti del mondo,

 

Libertà di stampa in Italia

 

E l’Italia? L’Italia è posizionata al 41 posto dopo la repubblica ceca e prima della corea del sud nella classifica mondiale 2020 sulla libertà di stampa stilata da Reporters Sans Frontières ( https://rsf.org/en/ranking ) che ogni anno da quasi due decenni analizza la libertà di stampa in 180 Paesi e territori in base al “livello di pluralismo, indipendenza dei media, autocensura, quadro giuridico e trasparenza”. La posizione dell’Italia rimane la peggiore in Europa occidentale, fatta eccezione per la Grecia (65esima). La “chiara correlazione tra la soppressione della libertà dei media in risposta alla guerra e la classifica di un Paese”.

Ma le fake news esistono da sempre, la consacrazione di questo termine è avvenuta durante le elezioni americane del 2016, quando un analista di Buzzfeed scoprì che le principali notizie false sulla campagna presidenziale degli USA attiravano più attenzione su Facebook rispetto ai rapporti dei principali media. Ovviamente ciò rappresentava una minaccia per una copertura mediatica seria essendo eccessivamente saturo di notizie false. Una approfondita indagine dello stesso analista L’analista fece venire alla luce altre storie inventate. Venivano tutte da una piccola città della Macedonia, dove un gruppo di persone usavano Facebook per fare soldi pubblicizzando siti di notizie false. In totale sono stati trovati più di 100 siti web che pubblicizzavano Donald Trump, tutti provenienti dalla cittadina di Veles, persone disposte a inventare qualsiasi cosa per fare soldi facili.

Con tale saturazione e mancanza di fiducia, come si fa quindi ad individuare le fake news e a non cadere nella trappola delle bufale?

Ecco alcuni suggerimenti:

Primo: conosci le tue fonti!

Molte fonti di notizie sono di parte, questo lo si è capito. Tuttavia, la maggior parte dei canali cerca almeno di gestire e mitigare il pregiudizio, mentre altri lo abbracciano pienamente. Questo è un segnale rivelatore di notizie inaffidabili. Una pietra miliare del giornalismo è l’equità e l’imparzialità. Se una fonte di notizie esprime palesemente un’opinione in un titolo o in un paragrafo introduttivo, allora non è una fonte attendibile. L’obiezione che si potrebbe sollevare è che si tratta di articoli di opinione o di contributi editoriali, ma questo dovrebbe essere indicato con una nota, ad esempio un “disclaimer”, in cui si afferma che il contributo riflette l’opinione dell’autore e non quella della pubblicazione. Ci sono anche siti web con notizie satiriche, il cui contenuto non dovrebbe essere preso come dato di fatto. The Onion, ad esempio, si autodefinisce un sito di notizie satiriche, che riporta eventi reali e di fantasia e parodia il tono e il formato delle testate giornalistiche tradizionali, come quelle modellate sulla “Associated Press” . Se non sei sicuro, controlla la pagina “Chi siamo” per vedere come si descrive l’organizzazione giornalistica. Se non riesci a trovare nulla sulla tua fonte, è un bollino rosso.

Secondo: quando è stato rilasciato?

I siti di notizie false spesso si collegano a siti di notizie reali per supportare le loro affermazioni, ma queste pagine possono essere vecchie di mesi o addirittura anni, quindi non c’è alcun collegamento con la situazione attuale. Ricorda: solo perché una fonte di notizie legittima di cui ti fidi è citata in un post o articolo del blog non significa che il post del blog o l’articolo stesso sia legittimo. Controllare sempre la fonte citata.

Terzo: leggi più del semplice titolo!
E’ risaputo e non è raro che anche le testate giornalistiche più sofisticate utilizzino titoli accattivanti o sensazionali per ottenere più clic. Ricorda: I titoli non hanno mai lo scopo di raccontare l’intera storia; piuttosto, hanno lo scopo di fornire ai lettori indizi sul contenuto in modo che possano decidere se continuare a leggere o meno. Ma ovviamente per scoprire se il titolo fa una dichiarazione falsa o è serio, è importante fare clic sull’articolo e vedere di persona, e dopo aver cliccato sull’articolo, occorre controllare se contiene dati, statistiche o citazioni. In quest caso, dovresti chiederti da chi/dove provengono questi dati. I siti Web di notizie false spesso supportano le loro affermazioni con date e citazioni inventate e attribuiscono “fatti” a organizzazioni inesistenti o semplicemente non forniscono alcuna informazione. I giornalisti seri citano sempre le loro fonti.

Quarto: verifica le informazioni!

Uno dei modi più semplici per capire se si tratta di notizie è trovare un’altra fonte nota di cui ti fidi che riporti lo stesso argomento alla stessa data. Se un articolo descrive qualcosa come rivoluzionario o sconvolgente, ma lo stesso argomento non è su un’altra fonte di notizie attendibile, probabilmente non è vero. L’autore può pubblicare voci o informazioni non confermate da fonti sconosciute. Se questo è il caso, dovrebbe ovviamente essere visto con grande scetticismo.

Quinto: l’articolo è scritto bene?

Lo stile di scrittura di un articolo può spesso indicare l’affidabilità di una fonte di notizie. Errori di grammatica e di ortografia, e persino di formulazione generale, possono dire molto su chi ha scritto le informazioni. I giornalisti sono professionisti formati che, nella maggior parte dei casi, hanno frequentato corsi universitari che insegnano loro come svolgere correttamente il proprio lavoro, proprio come qualsiasi altra professione. Occasionalmente possono insinuarsi errori, ma nelle grandi testate giornalistiche, editori e revisori esaminano i contenuti prima che vengano pubblicati. Fonti di notizie affidabili segnalano anche i loro errori di contenuto e li correggono. Quindi cerca e consulta fonti di cui ti fidi, Affidarsi ai principali motori di ricerca o ai social media spesso porta le persone a fidarsi delle fake news.