genko
genko
BANNER AGRI SERVICE

Gallipoli – Incastrato dal dispositivo anti-stalker, i Carabinieri arrestano un uomo

LIfe Sanitaria
90
Europee Taiani e di Mola

Non è bastato un divieto di avvicinamento ed un ammonimento del Questore a far desistere un uomo gallipolino dall’assumere nuovamente atteggiamenti persecutori nei confronti della ex compagna. Da qui, l’arresto operato dai Carabinieri di Gallipoli. Nella serata di ieri i militari della locale Stazione hanno dato esecuzione al provvedimento di misura cautelare personale degli arresti domiciliari, emesso dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Lecce, nei confronti di un uomo del posto. Il provvedimento scaturisce da una richiesta di aggravamento avanzata dagli stessi militari a seguito delle condotte persecutorie sempre più pressanti acuitesi nei momenti immediatamente  precedenti  l’adozione  della  misura  cautelare  del  “divieto  di  avvicinamento”.  Tale  misura limitava  la  libertà  personale  ed  imponeva  al  prevenuto  di  non  avvicinarsi  a  quei  determinati  luoghi abitualmente frequentati dalla donna e da cui si doveva mantenerne a debita distanza. Nella stessa circostanza, era stato messo in funzione anche il dispositivo anti-stalking costituito oltre che dal  “classico” braccialetto elettronico, applicato all’autore del reato e quindi destinatario della misura cautelare, anche da un “ricevitore”, dalle fattezze di un cellulare, alla vittima per essere immediatamente avvisata della violazione in atto, consentendogli così di tutelare la sua incolumità fisica. Proprio grazie a tale dispositivo, i Carabinieri hanno accertato che l’uomo, in un arco temporale molto ristretto e comunque in una sola giornata, si sarebbe avvicinato alla vittima per ben 8 volte. Il segnale di allerta del ricevitore è giunto quindi direttamente alla centrale operativa dei Carabinieri che hanno avviato l’immediato controllo. Una celere attività info-investigativa condotta dai militari ha permesso di individuare l’uomo quale presunto responsabile della violazione del “divieto di avvicinamento”. Già in passato, l’uomo, come accennato in premessa, si sarebbe reso destinatario anche di un provvedimento di ammonimento del Questore di Lecce con cui gli sarebbe stato intimato di desistere dal compiere nuovamente atti persecutori nei confronti dell’ex compagna. Già in quell’occasione la donna, coraggiosamente, aveva deciso di denunciare il tutto affidandosi ai Carabinieri, evitando così gravi ed irreparabili conseguenze. È importante sottolineare che il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e che l’eventuale colpevolezza in ordine ai reati contestati, dovrà essere accertata in sede di processo nel contraddittorio tra le parti.

Europee Taiani e di Mola
LIfe Sanitaria
BANNER AGRI SERVICE