AgoràNotizia

«STADIO DI NARDÒ: SPALTI INVASI DA ESCREMENTI E TERRENO DI GIOCO IN PESSIME CONDIZIONI»

(foto: facebook Nardò Granata)

Il tifo organizzato granata, coi gruppi “Tabula Rasa” e “Neretini” attacca il sindaco e chiede un incontro con Amministrazione Comunale e Società 

All’indomani dell’ennesima sconfitta in campionato, rimediata ieri contro il Taranto, “scendono in campo” stavolta i gruppi organizzati del tifo calcistico neretino, “Tabula Rasa 2016” e “Neretini 2017”.

In un comunicato diffuso in questi minuti i due sodalizi vanno all’attacco dell’Amministrazione Comunale e del sindaco “per le condizioni pietose in cui versa il nostro stadio”.

«Chiediamo a gran voce e urgentemente – scrivono gli ultrà – un confronto fra tifoseria, società e sindaco.

Una struttura – proseguono, riferendosi allo stadio di via XX Settembre – che era motivo di vanto per la città intera e per il Salento, oggi versa in condizioni pietose, ferma agli anni Novanta, sia per quanto riguarda il manto erboso, ormai ridotto a terreno arido, sia riguardo agli spalti, invasi da escrementi e carcasse di animali in putrefazione».

Dopo aver “fotografato” la situazione dell’impianto sportivo, i tifosi puntano il dito verso il primo cittadino: «Se la città come dice il sindaco è un cantiere in evoluzione, in via XX Settembre il cantiere “Giovanni Paolo II” risulta abbandonato, eppure ricordiamo bene quando il primo cittadino non mancava a una partita del Nardò Calcio e francamente noi che ci siamo sempre stati in quello stadio non comprendiamo come si possa essere tifosi a intermittenza.

Dove sono finiti – concludono non senza polemica i tifosi – la passione e l’interesse che dimostrava prima di sedere allo scranno più alto della giunta comunale? Si diceva che Nardò avrebbe avuto una cittadella dello sport, finanziamenti sbandierati sui social ma riguardo al nostro stadio non è stata spesa una sola parola, speriamo solo che non diventi il prossimo ecomostro da abbattere…».

Infine, si ribadisce l’invito: «Restiamo in attesa di un riscontro da parte di sindaco e società A.C. Nardò per sapere come, dove e quando discuterne insieme».

Related Articles