Home / In Evidenza / NARDÒ È STANCA DELLE BUGIE DI MELLONE E DEI SUOI YES MAN

NARDÒ È STANCA DELLE BUGIE DI MELLONE E DEI SUOI YES MAN

Ci risiamo, Mellone come i bimbi capricciosi non può fare a meno di continuare a dire bugie!

E lo fa con una costanza disarmante senza preoccuparsi che tutte le volte viene smentito dai documenti e dalla verità “oggettiva”.

Con il volto ormai bronzeo continua a seminare “fake news” a uso e consumo dei suoi fedeli adoratori.

Non c’è altra spiegazione, ogni ragionamento logico consiglierebbe al “Pinocchio” di turno di stare attento sul continuare a mentire per non perdere credibilità e consenso.

Questo naturalmente in un paese normale, Nardò è una città atipica se nonostante le “carte” dimostrino altro alcuni affezionati fans continuano a dissetarsi dalla fonte della falsità e prendere per vera ogni notizia che sgorga da questa fontana!

Oggi l’epilogo più eclatante: sulla pagina ufficiale di “Pippi Mellone sindaco” l’annuncio in pompa magna dell’inaugurazione del cavalcaferrovia Nardò-Galatone opera, stante alle parole scritte, terminata grazie all’impegno profuso da elementi vicini all’amministrazione e dal presidente della Provincia Minerva.

I responsabili della pagina dimenticano, però, di dire che i personaggi indicati nulla hanno a che vedere con la realizzazione dell’opera né tantomeno l’attuale amministrazione che non ha compiuto alcun atto deliberativo fondamentale per la realizzazione dell’opera, già avviata nel suo iter burocratico al momento dell’insediamento dell’attuale Sindaco.

Come se non bastasse, nel 2014, gli attuali Sindaco Mellone e Vice-Sindaco Capoti, allora consiglieri di minoranza, votarono contro, in consiglio comunale, ai lavori di adeguamento della strada in questione.

Allora perché continuare a mentire sapendo di essere facilmente sbugiardati?

La risposta è semplice, Nardò è piena di elementi abituati a navigare sulla cresta dell’onda e ad “ANDARE OLTRE” le verità, salvo poi abbandonare la nave che affonda al momento del pericolo.

A questo punto non ci resta che aspettare il possibile naufragio annunciato per ristabilire CREDIBILITÀ e VERITÀ in una città che ha un estremo bisogno di CERTEZZE per continuare a crescere!

Autore Articolo carmine sanasi