Home / Cronaca / INSEGNANTE NERETINA MALTRATTAVA I BAMBINI? UDIENZA TRA UNA SETTIMANA

INSEGNANTE NERETINA MALTRATTAVA I BAMBINI? UDIENZA TRA UNA SETTIMANA

Venerdì 6 settembre udienza preliminare davanti al gup Sergio Tosi.

L’episodio riguarda una maestra di sostegno di una scuola primaria di Nardò che nei mesi scorsi è stata accusata di maltrattamenti aggravati (atteggiamenti maneschi, tirate di capelli) a danno di otto scolari dopo un’accurata inchiesta condotta dai Carabinieri di Nardò coordinata dal pubblico ministero Maria Rosaria Micucci.

Le indagini hanno ricoperto un arco temporale di circa tre mesi (novembre-gennaio) e hanno portato i militari, al comando del maresciallo maggiore Vito De Giorgi, ad acquisire testimonianze, riscontri, referti medici, registrazioni e tre denunce.

Pertanto a carico della maestra è stata emessa una misura interdittiva di un anno, poi dimezzata dal Tribunale del Riesame.

La donna, che subito dopo l’avviso di conclusione delle indagini ha ottenuto di essere interrogata, ha negato le accuse.

Difesa dagli avvocati Massimo Muci e Anna Maria Ciardo, ha dichiarato di essere rimasta da sola con gli alunni in tre occasioni (29 ottobre; 28 novembre e 17 dicembre 2018) per un lasso di tempo a suo dire troppo breve per mettere in atto le condotte contestate.

Pronti invece a costituirsi parte civile nel processo i genitori dei bambini con gli avvocati Giuseppe Bonsegna, Tommaso Valente, Andrea Giuranna, Antonio Falangone e Gaetano Sodo.

La maestra neretina intanto non dovrebbe avanzare riti alternativi e se non sarà prosciolta affronterà il processo con rito ordinario.

Autore Articolo Redazione