Santa Cesarea Terme: 15 giorni di sospesa attività per la discoteca”GUENDALINA”

Santa Cesarea Terme-Questa mattina i militari della Compagnia dei Carabinieri di Maglie e il personale della locale Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale hanno dato esecuzione al provvedimento emesso dal Questore di Lecce ai sensi dell’art. 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, che dispone la sospensione per giorni quindici della autorizzazione rilasciata dal Comune di Santa Cesarea Terme per l’esercizio della discoteca “GUENDALINA”, sita nello stesso Comune.

Il provvedimento cautelare è stato emesso sulla scorta dei gravi disordini accaduti all’alba del 28 luglio scorso, quando all’interno della discoteca, un nutrito gruppo di giovani, per cause ancora da accertare, ha iniziato un fitto lancio di oggetti, tra i quali bottiglie in vetro, bidoni per la raccolta della spazzatura e transenne.

Tale evento, che solo per una mera casualità non ha provocato danni fisici alle persone coinvolte ed agli altri inermi avventori, è accaduto in un orario successivo a quello di chiusura stabilito nella licenza rilasciata dal Comune di Santa Cesarea, stabilito per le ore 04:00 nei giorni festivi e prefestivi, con possibilità di protrazione di un’ora, al fine di favorire il deflusso della folla.

Le verifiche effettuate hanno infatti evidenziato come i gravi eventi verificatisi siano avvenuti dopo le cinque del mattino, e come il locale fosse frequentato da avventori trovati in possesso di sostanze stupefacenti finalizzate all’utilizzo personale ed anche allo spaccio. Infatti, i Carabinieri della Compagnia di Maglie, proprio durante
la notte del 28 luglio, pochissime ore prima dei tafferugli, all’interno del “GUENDALINA” hanno identificato 11 persone trovate in possesso di vari tipi di sostanze stupefacenti, tra le quali marjuana, MDMA, chetamina, cocaina. Inoltre, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato di un cittadino tunisino, trovato in possesso
di 10 dosi di MDMA, del peso complessivo di 34 grammi e di due involucri contenenti chetamina, per un peso complessivo di tre grammi, oltre alla somma in contanti di 700, 00 Euro.

L’attività svolta dai Carabinieri all’interno della discoteca , iniziata nel mese di giugno, ha consentito, nel corso di tre distinte serate, di
segnalare al Prefetto di Lecce numerosi giovani trovati in possesso di sostanza stupefacente per uso personale.

Anche durante la stagione estiva del 2018, i militari hanno riscontrato all’interno del locale la presenza di numerosi soggetti dediti allo spaccio ed al consumo di sostanze stupefacenti. L’istruttoria globalmente espletata ha anche consentito al Questore di verificare come il comportamento del titolare della licenza, un ventisettenne residente in provincia di Bari, ponga concreti dubbi sulla sua affidabilità. Infatti, oltre ad aver protratto l’orario di chiusura della discoteca, violando in tal modo le prescrizioni contenute nella licenza concessagli dal Comune, agevolando in tal modo la commissione del grave evento avvenuto il 28 luglio, che ha pregiudicato l’ordine e la sicurezza pubblica, ha violato il “Protocollo d’intesa per la sicurezza nei locali di intrattenimento”, sottoscritto lo scorso anno presso la Prefettura, che prevede tra i vari obblighi
quello del “rigoroso rispetto degli orari di chiusura” e pone in capo ai titolari un onere di vigilanza al fine diù evitare che all’interno dei locali da ballo vengano utilizzate sostanze stupefacenti o psicotrope. La globalità degli elementi valutati ha consentito al Questore di emettere il provvedimento di sospensione della attività, che espleterà i suoi effetti fino al 17 agosto p.v. . L’emissione urgente di tale atto si è resa necessitata anche dalla circostanza che presso il “ Guendalina” nelle giornate del 9,del 14 e del 15 agosto, erano in programmazione degli importanti eventi musicali, con la partecipazione di noti personaggi dello spettacolo,
che richiamano una grossa fetta di pubblico appartenente alla minore o giovanissima età.

Le prioritarie esigenze di sicurezza e di tutela della incolumità delle persone, nonché dell’ordine pubblico in generale, e lanecessità di privare soggetti che commettono reati in materia di stupefacenti di un luogo di aggregazione  divenuto ormai stabile, hanno giustificato l’emissione di tale provvedimento necessario ed urgente da parte dell’Autorità di Pubblica Sicurezza.

Autore Articolo Redazione

Check Also

**Ultima ora** DIVERSE FRATTURE PER IL RAGAZZO PRECIPITATO IERI DAL PRIMO PIANO A SANTA MARIA AL BAGNO

Lunghe ore di angoscia quelle trascorse nei corridoi del reparto intensivo di rianimazione del nosocomio …

Cade dal tetto mentre fa parkour, 17enne ricoverato  in gravi condizioni al Fazzi

Santa Maria al Bagno-Un 17 enne del posto  è caduto dalla pensilina di una abitazione …

Rosty Pizzamania: un anno di grandi successi ed enormi soddisfazioni

Rosty Pizzamania è stata la possibilità di aver potuto realizzare un sogno, condiviso con i …

APPELLO DI OFFICINA CITTADINA E AGORA’ NOTIZIA.IT CHIEDIAMO UN AIUTO CONCRETO PER UNA FAMIGLIA NERETINA IN GRAVE DIFFICOLTA’!

La situazione è nota a tutta Nardò: c’è una famiglia che vive in grandissima difficoltà …

Appuntamenti da protagonisti: i ringraziamenti dopo il successo della seconda edizione del “FestivalBeer 2019”

Numeri di pubblico da record per la seconda edizione del “FestivalBeer”  che si è tenuta …