NardòUfficio Stampa Comune di Nardò

CENTRO STORICO, INTERVENTO SUI BASOLI DISSESTATI DI CORSO GARIBALDI

Dopo le numerose segnalazioni da parte di questo portale, siamo lieti di dare questa notizia.

Lavori per 16 mila euro su 200 metri quadri. È un tratto in degrado e pericoloso
Inizieranno lunedì i lavori di sistemazione di circa 200 metri quadri di basoli dissestati di corso Garibaldi, un tratto viario del centro storico (a partire dal varco Ztl di piazza Umberto I) diventato molto sconnesso e pericoloso nel tempo a causa dei frequenti passaggi di automobili. L’intervento è stato affidato a una ditta specializzata nel settore, la Giannoccaro Costruzioni Stradali s.a.s., per un importo di 16 mila euro.

Nel corso degli ultimi mesi sono state numerosissime le segnalazioni circa lo stato critico dei basoli e i rischi relativi, oltre al rumore provocato a ogni passaggio di una vettura e ai cattivi effetti visivi e di degrado che la condizione del basolato comporta. Non esattamente il miglior biglietto da visita per il centro storico, su uno dei suoi ingressi principali. L’opportuno intervento di ripristino e l’attivazione della Ztl (in vigore da una manciata di giorni) consentiranno di tutelare il basolato da nuove compromissioni statiche ed estetiche.

Speriamo che sia l’ultima volta – si augurano il sindaco Pippi Mellone e il vicesindaco Oronzo Capotiperché le risorse impiegate per il ripristino dei basoli del centro storico sono davvero troppe. Questo è uno dei motivi per cui abbiamo fatto la scelta strategica di una Ztl h24, che, peraltro, prestissimo sarà estesa anche a piazza Battisti. Un’azione discussa per mesi, sperimentata senza interventi sanzionatori, sorretta da un poderoso piano di interventi, cioè circa 100 mila euro di spettacoli, eventi culturali e arredo urbano. A beneficio di tutti, non solo di chi vive e opera nel cuore antico della città. A parte chi strumentalizza e sfrutta a scopi politici il comitato, con i quali non vogliamo più perdere tempo, invitiamo commercianti e residenti a rivederci dopo l’estate e a fare il punto della situazione”.

Back to top button
Close