Rifiuti lungo le strade e in luoghi in stato di Abbandono.

Sono li abbandonati nei pressi di Via Cavour  al loro destino da settimane.

Ancora segnalazioni che giungono in redazione nello spazio “Dillo a Agorà”,  rubrica dedicata alle segnalazionu cittadine.

Nella completa confusione di come gestire un avvistamento di rifiuti vi riportiamo alcuni consigli.

Se vedi dei rifiuti abbandonati fai una segnalazione alla polizia locale, al sindaco e, in caso di inerzia, anche alla procura della repubblica.

Se ti capita di vedere rifiuti abbandonati per le strade del tuo quartiere, perché gli abitanti sono incuranti e non rispettano neanche il minimo senso di civiltà che ognuno di noi dovrebbe avere, puoi presentare subito una denuncia alle autorità competenti (polizia locale, sindaco o procura della repubblica): l’abbandono di rifiuti, infatti, comporta delle sanzioni. Ma cerchiamo di spiegare con ordine quali.

L’abbandono dei rifiuti
Le norme in materia ambientale prevedono che l’abbandono ed il deposito incontrollato di rifiuti sul suolo (e nel suolo) siano vietati, così come è vietata l’immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterranee [1].

Chi abbandona i rifiuti (e viene scoperto) è tenuto innanzitutto a procedere alla loro rimozione ed all’avvio a recupero o allo smaltimento degli stessi (su istanza del sindaco che emette un’ordinanza con la quale indica modalità e tempi entro cui provvedere all’esecuzione). Al termine, dovrà ripristinare lo stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali (di godimento sull’area) ai quali tale violazione sia imputabile (a titolo di dolo o colpa, in base agli accertamenti effettuati dai soggetti preposti al controllo, in contraddittorio con i soggetti interessati).

Facciamo un esempio. Se io abbandono dei rifiuti in una cava di proprietà di Tizio e, ad un certo punto, vengo scoperto dalla polizia (o da altra autorità competente):

sarò tenuto immediatamente a rimuovere i rifiuti sversati (per smaltirli in altro luogo autorizzato o per riciclarli, a seconda del tipo di rifiuto), rendendo la cava pulita come era prima che vi lasciassi i rifiuti (tecnicamente si parla di ripristino dello stato dei luoghi);
dovrò seguire le modalità ed i tempi di ripristino indicati in un’ordinanza che sarà redatta dal sindaco del luogo;
potrò condividere la spesa dell’attività di rimozione e smaltimento corretto dei rifiuti con il proprietario della cava se riuscirò a dimostrare ai vigili (accertatori) che egli sapeva che li riponevo lì (e magari si faceva anche pagare per questo) oche, pur non sapendolo espressamente, ha peccato di omessa vigilanza sulla sua proprietà (si parla di responsabilità del proprietario a titolo di colpa).

Sabina Coppola

 

Autore Articolo Redazione

Check Also

**Ultima ora** DIVERSE FRATTURE PER IL RAGAZZO PRECIPITATO IERI DAL PRIMO PIANO A SANTA MARIA AL BAGNO

Lunghe ore di angoscia quelle trascorse nei corridoi del reparto intensivo di rianimazione del nosocomio …

Cade dal tetto mentre fa parkour, 17enne ricoverato  in gravi condizioni al Fazzi

Santa Maria al Bagno-Un 17 enne del posto  è caduto dalla pensilina di una abitazione …

Rosty Pizzamania: un anno di grandi successi ed enormi soddisfazioni

Rosty Pizzamania è stata la possibilità di aver potuto realizzare un sogno, condiviso con i …

APPELLO DI OFFICINA CITTADINA E AGORA’ NOTIZIA.IT CHIEDIAMO UN AIUTO CONCRETO PER UNA FAMIGLIA NERETINA IN GRAVE DIFFICOLTA’!

La situazione è nota a tutta Nardò: c’è una famiglia che vive in grandissima difficoltà …

Appuntamenti da protagonisti: i ringraziamenti dopo il successo della seconda edizione del “FestivalBeer 2019”

Numeri di pubblico da record per la seconda edizione del “FestivalBeer”  che si è tenuta …