Home / Spettacolo&Cultura / DOMENICA IDENTITÀ IN FESTA NEL CENTRO STORICO

DOMENICA IDENTITÀ IN FESTA NEL CENTRO STORICO

Sarà un appuntamento con vino, cibo e moda come protagonisti assoluti, in un contesto magico come quello del centro storico neretino. Domenica prossima, 24 giugno, è in programma la prima edizione di Identità in festa, l’evento dedicato a salentini e turisti che vogliono scoprire le realtà produttive del territorio. I suggestivi vicoli che conducono a piazza Salandra ospiteranno le aziende gastronomiche di qualità. Sei incantevoli dimore storiche ospiteranno nelle loro splendide corti i pregiati vini autoctoni di altrettante cantine vinicole della zona: Palazzo De Pandi ospiterà l’azienda vinicola Pignatelli; nella corte di Palazzo Monastero si potranno degustare i vini Conti Zecca; i calici di Taurino troveranno spazio nel Palazzo Giovanni Zuccaro; Palazzo Personè ospiterà l’azienda vinicola Altemura; Palazzo Mignano e Palazzo Zuccaro infine saranno location esclusive della neretina Schola Sarmenti.

Tra gli appuntamenti da non perdere la gara gastronomica Uno chef in Comune. Presso il Giardino Botanico (la “villa comunale”), alle ore 20, Fabiano Viva, giornalista, conduttore televisivo e chef, nonché proprietario del Posto Divino a Felline e del Ristorante Duo a Lecce, condurrà una sfida ai fornelli tra gli amministratori comunali, pensata per valorizzare i piatti della tradizione neretina. Il premio al miglior piatto realizzato durante il cooking show sarà assegnato da una giuria di esperti composta da Antonio Raffaele, chef stellato Michelin del Ristorante Folie Verdalia, Fabio Saracino, responsabile Campagna Amica Coldiretti, David Montefrancesco, responsabile Laica (Associazione di imprese e professionisti di Lecce), Erica Manca, foodblogger Panecioccolata&Cannella, Salvatore Lega, chef neretino d’origine e francese d’adozione, fondatore di alcuni tra i più importanti ristoranti parigini. Nel Giardino Botanico sarà inoltre possibile degustare i vini della Cantina Bonsegna.

Identità in festa ospiterà inoltre i laboratori di pasta fresca per concedere ai visitatori vere e proprie esperienze di gusto. Spazio anche ai più piccoli con i laboratori musicali organizzati da “Il giardino di Gaia” associazione di promozione sociale di Nardò. Il Laboratorio di danza educativa e movimento creativo, dalle 18 alle 19, adatto a bambini dai 3 ai 6 anni, sarà un’occasione per i bambini per esprimersi attraverso il linguaggio del corpo e accrescere la propria fantasia mediante il racconto di tante storie divertenti. Il laboratorio sarà condotto da Sonia Stomeo, che condurrà anche un altro seminario orientato al benessere e rivolto a tutti (posti limitati, necessaria la prenotazione al numero 339 6656754).

I vicoli di Nardò, infine, si trasformeranno per l’occasione in prestigiosi set fotografici: dieci fotografi, iscritti al contest Lifestyle Salento, ideato con la collaborazione di Fotoscuola Lecce, guidati dal noto fotografo Bruno Barillari, immortaleranno le bellezze dei luoghi e di dieci modelle professioniste.

Identità in festa è una iniziativa promossa dal Comune di Nardò e Confartigianato Imprese Lecce e organizzata da Protem Comunicazione con il sostegno della Regione Puglia. Nasce proprio con l’intento di dare lustro all’identità culturale del territorio, per concedere una vetrina alle eccellenze produttive, per metterle insieme una accanto all’altra creando un percorso di conoscenza intersettoriale del Salento.

“Questo – dice l’assessore allo Sviluppo Economico Giulia Pugliaè un territorio che ha molte eccellenze produttive, non tutte conosciute, e ha anche contesti meravigliosi come il nostro centro storico. Mettere insieme le due cose, concedere una “vetrina” ad aziende e marchi locali ci è sembrata una cosa in grado di funzionare e di soddisfare tutti. C’è un profilo del Salento fatto di gusto, di prodotti enogastronomici che sono straordinari, c’è insomma un pezzo della nostra identità che merita di essere adeguatamente veicolato presso salentini e soprattutto non salentini con eventi come questo”.

Autore Articolo Carmine Sanasi