TRE LE CONDANNE PER LE EMISSIONI DELLA CENTRALE A BIOGAS DI GALATONE

Galatone-Il recente pronunciamento del Tribunale di Lecce sulla Centrale a Biogas di Galatone ha visto la condanna dei responsabili per i reati di falso, tentativo di truffa e getto pericoloso.

Si tratta di una vittoria importante e dal grande significato per i cittadini galatonesi, che sin da subito avevano sostenuto l’illegittimità dell’intervento, riunendosi in comitati e associazioni e sporgendo diverse denunce.

Un primo segnale era sicuramente stato il sequestro dell’impianto, cui è seguito un consiglio comunale aperto che ha puntato i fari verso una gestione della situazione ambientale alquanto lacunosa e negativa per il territorio.

L’attuale amministrazione guidata da Flavio Filoni e composta dai consiglieri di opposizione e ora assessori Bove, Dorato e Gatto, che si erano duramente battuti contro gli abusi ambientali, insieme a Maurizio Pinca e Crocifisso Aloisi e tanti altri liberi cittadini del Comitato No Bio Gas, ha sin da subito approvato in Consiglio Comunale una moratoria ambientale e un divieto di costruire simili impianti nel nuovo regolamento edilizio.

Filoni definisce così – frutto di un duro e costante lavoro – la sentenza odierna, e afferma di voler continuare a tutelare la salute dei cittadini contro qualsiasi iniziativa privata che anteponga il profitto al benessere e alla salubrità di Galatone.

Il denaro derivante dal risarcimento sarà utilizzato per continuare a salvaguardare l’ambiente – chiude Il sindaco Filoni – lanciando un chiaro messaggio su quello che è l’indirizzo politico della sua amministrazione.

Il Sindaco

Flavio Filoni

 

Autore Aricolo Redazione