- Advertisement -
Home Comunicati stampa Coronavirus: “Istituire un reddito di emergenza per operatori dello spettacolo viaggiante itinerante”

Coronavirus: “Istituire un reddito di emergenza per operatori dello spettacolo viaggiante itinerante”

- Advertisement -

Un ‘reddito di emergenza’ per gli operatori dello “Spettacolo Viaggiante Itinerante”, tra le categorie più colpite dall’emergenza Covid-19 e l’istituzione di un fondo  destinato alla concessione di stanziamenti a fondo perduto da utilizzare per garantire la sopravvivenza della categoria. È quanto chiedono i consiglieri  del Movimento 5 Stelle Marco Galante e Antonella Laricchia, che hanno inviato una richiesta formale indirizzata al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e all’assessore al bilancio Raffaele Piemontese. 

L’epidemia COVID-19 dichiarano Galante e Laricchia ha colpito anche la Puglia in modo improvviso e drammatico con pesanti ripercussioni soprattutto dal punto di vista  economico e sociale. Tra i lavoratori più colpiti spiccano quello che svolgono attività di Spettacolo Viaggiante Itinerante, che gestiscono attrazioni nei luna park itineranti, parchi tematici, sagre e feste patronali. Professionisti  che rappresentano una risorsa importantissima dal punto di vista folkloristico soprattutto per le regioni del sud Italia. Riteniamo fondamentale in questo momento in cui non possono lavorare, prevedere per loro un ‘reddito di emergenza’ e l’istituzione di un fondo specifico destinato alla concessione di finanziamenti a fondo perduto, indispensabile anche per il pagamento dei debiti che questi operatori si sono inevitabilmente ritrovati a contrarre. Infineconcludonola Regione Puglia potrebbe sottoporre all’attenzione del Governo nazionale l’adozione di ulteriori misure finalizzate a ridurre gli oneri economici ed amministrativi a carico delle attività di Spettacolo Viaggiante Itinerante nel momento sarà consentito nuovamente lo svolgimento degli spettacoli. Auspichiamo che queste richieste possano trovare un riscontro immediato. Bisogna fare qualcosa di concreto per questi lavoratori in difficoltà”.   

Da leggere

IL CASO BIBLIOTECA SI SCATENA SUI SOCIAL: MAURO MARINO, NO ALLA CHIUSURA DELL’EX-CRSEC

Nardò è la seconda città del Salento. Città bella con una grande storia, un bellissimo e sontuoso borgo antico testimone di un passato nobile...
- Advertisement -

PAOLA MITA: “SONO FINTI RIVOLUZIONARI SENZA STORIA”

La giustificazione dell Assessore Tollemeto è una pezza messa male e cucita peggio! Quanto tempo ci vorrà prima che si realizzi quanto voluto dall’amministrazione? E...

“NON CHIUDIAMO UNA BIBLIOTECA, MA VOGLIAMO UN POLO BIBLIOTECARIO UNICO”

“Chi dice che l’amministrazione comunale voglia chiudere una biblioteca, si sbaglia di grosso. Al contrario l'amministrazione vuole dotare Nardò di un polo bibliotecario moderno,...

LORENZO SICILIANO: MELLONE ASFALTA LA CULTURA

Il sindaco chiude la biblioteca e non dice perché. Il Centro Servizi Culturali e Bibliotecari, nota e amata biblioteca che dimora da decenni a Nardò,...

Notizie correlate

IL CASO BIBLIOTECA SI SCATENA SUI SOCIAL: MAURO MARINO, NO ALLA CHIUSURA DELL’EX-CRSEC

Nardò è la seconda città del Salento. Città bella con una grande storia, un bellissimo e sontuoso borgo antico testimone di un passato nobile...

PAOLA MITA: “SONO FINTI RIVOLUZIONARI SENZA STORIA”

La giustificazione dell Assessore Tollemeto è una pezza messa male e cucita peggio! Quanto tempo ci vorrà prima che si realizzi quanto voluto dall’amministrazione? E...

“NON CHIUDIAMO UNA BIBLIOTECA, MA VOGLIAMO UN POLO BIBLIOTECARIO UNICO”

“Chi dice che l’amministrazione comunale voglia chiudere una biblioteca, si sbaglia di grosso. Al contrario l'amministrazione vuole dotare Nardò di un polo bibliotecario moderno,...

LORENZO SICILIANO: MELLONE ASFALTA LA CULTURA

Il sindaco chiude la biblioteca e non dice perché. Il Centro Servizi Culturali e Bibliotecari, nota e amata biblioteca che dimora da decenni a Nardò,...

Leo: grazie all’impegno di ulteriori 20 milioni di euro, garantita la continuità delle attività tra il vecchio e il nuovo programma Garanzia Giovani

“Grazie ad un ulteriore impegno pari a 20 milioni di euro e grazie alla proroga delle attività fino al 15 maggio 2021, abbiamo garantito...
- Advertisement -