venerdì, Settembre 25, 2020

REGIONALI 2020:LE PREVISIONI DI FRATE AUGUSTINO

Manca poco al rinnovo del Consiglio Regionale e il nostro inviato speciale ha chiesto udienza a Frate Augustino al fine di conoscere le sue autorevoli previsioni su ciò che uscirà dall’urna lunedì 21 settembre in particolar modo per ciò che concerne i nostri candidati locali.

Candidati che vivono ancora per poco il sogno di “spaccare” le vie cittadine a bordo di un’autovettura con “tanto di stemma metallico” sul cruscotto dell’auto indicante il loro “status” di parlamentari regionali.

Per chi non abbia mai seguito la nostra rubrica, specifichiamo che Frate Augustino è stato un uomo di potere della nostra Città nei favolosi anni ’80 “da bere” con amicizie romani importanti e dialoghi preferenziali altrettanto considerevoli.

Da anni, vive autoesiliato presso il Convento dell’Incoronata.

Fatta questa doverosa premessa, entriamo nel vivo dell’intervista.

INVIATO  SPECIALE :

Mi sembra doveroso iniziare parlando del consigliere regionale uscente Cristian Casili.

FRATE  AUGUSTINO :

Cristian Casili ha un livello culturale e professionale certamente superiore allo schifo che c’è in giro.

E’ un ragazzo anche molto garbato ed educato.

A differenza di 5 anni fa, lo vedo molto a latere in un movimento che gli ha fatto anche uno sgarbo elettorale e cioè quello di organizzare a Nardò, presso l’Hotel Riviera, una manifestazione con tutt’altro candidato.

Per non parlare poi che lo stesso movimento politico è in caduta libera.

Non la vedo buona per lui.

A Nardò non arriverà al terzo zero ossia non sfiorerà le 1.000 preferenze.

INVIATO  SPECIALE :

E’ opinione comune che la candidata Giulia Puglia avrà un consenso fortissimo.

Qualcuno parla anche di 4.000 voti solo su Nardò.

FRATE  AUGUSTINO :

Ragazzi non date numeri al lotto che non esistono.

Coloro che dicono questo sono ignoranti che, come tali, non conoscono neanche la storia della Città e dei suoi uomini più significativi.

Quando si votava con 7 liste e con 4 preferenze, nel 1985, il compianto Luigi Tarricone, da Presidente del Consiglio Regionale uscente e con il partito socialista all’epoca emergente, ne totalizzò all’incirca 3.900.

Oggi con 25 liste e con 2 preferenze, 4.000 voti alla Giuliettina Puglia in una listicina civica non stanno né in cielo né in terra.

Io personalmente di preferenze che ne usciranno alla Giuliettina ne vedo 2.000 scarse.

Rimanete con i piedi per terra anche perché non c’è nulla di scontato.

In politica, niente è scontato.

Non è scontato neanche che vinca Emiliano.

INVIATO  SPECIALE :

E di Paola Mita, cosa ci dice?

FRATE AUGUSTINO :

A differenza di qualche altra candidatura di cui parleremo dopo, la proposizione della Mita non entra nel sociale.

E’ una candidatura interna ad un partito che a Nardò non gode buona salute.

Un partito che ha perso i suoi 700 voti organizzati che uscirono alle scorse comunali.

L’emorragia, che c’è stata con l’allontanamento dei vari Plantera, Alemanno e De Giorgi, non è stata fermata con nuovi ingressi.

Non vedo nulla di buono sulla Mita.

Tanto per essere benevoli, saranno dalle 400 alle 600 massimo le preferenze che su Nardò usciranno alla Paolettina.

Ma credo di più intorno alle 400.

INVIATO  SPECIALE :

Parliamo adesso di Giancarlo Marinaci.

Come stanno le cose?

FRATE  AUGUSTINO :

E come devono stare le cose ?

Raccoglierà quello che potrà raccogliere.

Valgono le stesse considerazioni esternate per la Mita.

Non è una candidatura che tocca il cuore sociale della nostra Città.

E’ una candidatura di servizio che può far breccia solo e limitatamente all’ambito lavorativo dell’interessato.

Anche per lui, saranno non più di 600 le preferenze che usciranno a Nardò.

INVIATO  SPECIALE :

Parliamo adesso della Dott.ssa Antonella Vergari.

Lei la conosce?

FRATE  AUGUSTINO :

Non la conosco personalmente. Ho conosciuto il compianto padre, dentista di altri tempi e come tutti i magliesi persona gentile e garbata.

Vedete la figura del medico di famiglia non è più quella di 40 anni fa.

Ciò nonostante, su questa ragazza sto registrando simpatia e considerazione.

Supererà le 900 preferenze.

INVIATO  SPECIALE :

E dell’Avv. David Dell’Atti, cosa ne pensa?

FRATE  AUGUSTINO :

Eeeeeeeeeeee !!!!

E’ stata una scelta molto azzardata.

Si sa che le azioni azzardate espongono a rischi eccessivi.

Mi auguro per lui che cada in piedi, superando almeno di 250 le preferenze personali.

INVIATO  SPECIALE :

“Dulcis in fundo” il Dott. Bruno Falzea ???

FRATE  AUGUSTINO :

Se la scelta di Dell’Atti è stata azzardata, quella di Falzea è a dir poco incomprensibile.

Un Direttore Sanitario in pensione che si è candidato senza aprire neanche un comitato e senza un manifesto elettorale.

Se Falzea ha la presunzione che la gente lo possa votare sol perché è stato Direttore Sanitario o perché marito della vecchia pediatra di famiglia, devo ammettere che non ha una buona memoria.

Nel 2012, da Direttore Sanitario in carica si candidò al Consiglio Comunale.

Orbene !!!

In quella circostanza elettorale, l’infermiere candidato fu eletto mentre lui, massima carica verticistica dell’ospedale, rimase al palo.

Anche per lui, prevedo un tonfo che non supererà le 200 preferenze.

INVIATO SPECIALE :

Frate Augustino, la ringraziamo per la sua disponibilità.

Lunedi 21 settembre, confronteremo i risultati effettivi con le sue odierne previsioni.

- Advertisement -

More Articles Like This

- Advertisement -