con l’inizio della fase 2 e la ripresa di gran parte delle attività commerciali ci
stiamo lasciando alle spalle tutte le difficoltà causate dalla pandemia da
Coronavirus, tuttavia, per non vanificare tutti i sacrifici fatti sino ad oggi, è
fatto obbligo a ciascuno di noi osservare scrupolosamente le prescrizioni da
te indicate nei vari decreti.
Che l’emergenza da Coronavirus abbia messo in evidenza alcune criticità
nell’ambito dei servizi sanitari è un dato oggettivo, anche se ti devo dare atto
che, laddove si sono verificati inconvenienti, non sono mancati i tuoi interventi
per porvi rimedio.
Per il ruolo istituzionale che ricopro, ricevo diverse segnalazioni delle quali ti
rendo partecipe doverosamente, in quanto da Presidente e Assessore alla
Sanità le possa tu prendere in considerazione.
Nello specifico mi riferisco alla medicina territoriale che necessita di un
aumento di ore di specialistica ambulatoriale e l’assegnazione di valide
apparecchiature tecnologiche strumentali per la diagnosi e cura.
Da tempo è stato posto alla tua attenzione, a quella del Direttore Generale
Dr. Rodolfo Rollo, da parte del Direttore Dr. Oronzo Borgia del PTA di Nardò
il problema relativo al macchinario TAC che non è più funzionale a svolgere
gli esami diagnostici, causa usura, per i quali gli assistiti del distretto sono da
tempo in lista d’attesa.
Pur considerando le difficoltà connesse all’attuale contingenza sanitaria e
nell’impossibilità di poter disporre dei macchinari del vicino ospedale di
Copertino in quanto impegnati ad eseguire scansioni TAC per esigenze
interne, con la nota del 13 maggio u.s.indirizzata a te e al Direttore Rollo, il
Direttore del PTA di Nardò ha chiesto che fosse adottata la stessa soluzione
utilizzata per il PTA di Campi Salentina, ovvero l’assegnazione di un
macchinario TAC a sedici strati in comodato d’uso.
Tanto ho ritenuto opportuno segnalarti non senza averti chiesto, con spirito di
servizio, di dare al PTA di Nardò una soluzione al problema che operatori
sanitari e cittadini tutti si attendono.
Con l’affetto e la stima di sempre

Mario Romano