Home Ambiente CURARE L'ORTO DURANTE IL CORONAVIRUS: DA NARDÒ LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA...

CURARE L’ORTO DURANTE IL CORONAVIRUS: DA NARDÒ LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE PUGLIA

- Advertisement -

Spett.le Presidente Michele Emiliano,
mi chiamo Gianni Casaluce e Le scrivo da Nardò (Lecce). Vorrei porLe una questione riguardante i cosiddetti “autoproduttori” in agricoltura, ossia persone che si autoproducono il cibo per sopravvivere. Con le attuali norme dettate dall’emergenza coronavirus chi non ha un’azienda agricola ma possiede un piccolo orto, un frutteto o un uliveto che non sia nel proprio giardino, non può prendersene cura. Questo comporta non solo l’impossibilità di cibarsi ma anche difficoltà da questioni di contingenza agricola: se non innaffio, non pianto e non poto i miei alberi non avrò frutti. È un franco patto che la natura ha stipulato con noi. Non è possibile che i “produttori di cibo” siano costretti a recarsi al supermercato. Tra l’altro, a proposito di questo: al fine della sacrosanta prevenzione igienico-sanitaria e della limitazione dei contatti fra persone, meglio raccogliere ortaggi in campagna e in solitudine o recarsi in un frequentato supermercato?

Noto in questi giorni che alcune regioni italiane stanno provando ad affrontare questa palese contraddizione. Credo sia il momento in Puglia per intervenire, senza dimenticare l’aspetto anagrafico degli eventuali “beneficiari” del provvedimento che Le chiedo di emanare. Spesso nei nostri territori ad autoprodursi il cibo sono anziani che ogni mattina frequentano la campagna in solitudine senza nessun assembramento e senza rischi di contagio per sé e per gli altri. Preciso che l’attuale richiesta non parte da esigenze personali. Io ho un’azienda agricola primaria e pertanto posso quotidianamente lavorare nel mio terreno, che si trova nel comune in cui vivo. Le scrivo solo perché non ritengo le attuali norme solidali nei confronti di chi sopravvive grazie al cibo autoprodotto. La ringrazio per l’attenzione e in questa fase drammatica auguro buon lavoro a Lei e a tutti gli amministratori della nostra terra.
Cordialmente,
dott. Gianni Casaluce – agrotecnico e imprenditore agricolo    

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Il gruppo “Scout laici” bacchettano i cittadini “maleducati e finti bisognosi”

"Cari concittadini e benefattori, ascoltateci un attimo.Noi neretini a volte siamo cattivi e arroganti. Ma questa volta no.Questa volta ci siamo comportati...

Mario Romano:”il florovivaismo è al collasso. “Subito interventi mirati”

"La Regione Puglia non può attendere, come sostenuto dall'Assessore Stea, che il Ministero ascolti la richiesta di provvedimenti immediati proveniente dal comparto...

MESSAGGIO DEL DOTTORE PAOLO TUNDO ALLA CITTA’ DOPO L’EMOZIONANTE OMAGGIO DI IERI SERA

Ho ricevuto con enorme piacere un messaggio del dott. Paolo Tundo, primario del Reparto di Malattie Infettive dell’ospedale di Galatina.Il filo che...

I riti della settimana santa al tempo del COVID -19

Di Raimondo Rodia-Manca ormai poco all’inizio della settimana santa, con i suoi riti e la grande partecipazione di pubblico che segue...

MAMMA E CUCCIOLA ABBANDONATE A BONCORE

Nuovo abbandono di cani nella frazione neretina di Boncore, tristemente nota per questo fenomeno. Nei pressi della pista di collaudi infatti vengono...
- Advertisement -