- Advertisement -
No menu items!
Home Cronaca Coronavirus, l'ansia dello scoop non conosce limiti

Coronavirus, l’ansia dello scoop non conosce limiti

- Advertisement -

Una serata  quella del 13 marzo 2020  da dimenticare  per il protagonista neretino di un video  che ha fatto il giro in pochissime ore  di contatti  watts app e faceboock. Si continua ancora una volta a nostro parere e non solo,  a distorcere la realtà degli eventi. 
Il protagonista dell’increscioso accadimento  con i propri legali sta valutando in queste ore ogni azione da intraprendere a tutela della reputazione dello stesso.  ( Siamo in possesso della documentazione medica attestante quanto affermato dal protagonista. Evitiamo la pubblicazione per riservarne la  privacy)

Di seguito la netta smentita   del protagonista:

Buonasera, vorrei fare chiarezza sul video che sta girando in queste ultime ore nelle chat e sui social, in merito alla discussione avuta con gli agenti di polizia venerdì 13 marzo 2020.
Sono uscito da casa alle ore 21 circa, dopo aver ricevuto chiamata urgente da parte di mio padre (83 anni) che aveva bisogno di me, in quanto mia madre, disabile da circa un anno e mezzo mostrava confusione e stati di agitazione. Da qui, in preda alla fretta, sono uscito da casa senza documenti e senza cellulare ed ho trovato il posto di blocco della polizia a circa 20 metri da casa mia.
Innanzitutto chiedo scusa agli agenti di polizia per il comportamento e li ringrazio perché, con la loro esperienza, hanno capito il mio stato d’agitazione, mi hanno tranquillizzato e mi hanno fatto compilare l’autocertificazione permettendomi immediatamente di raggiungere i miei genitori.
Fin qui tutto risolto, sono arrivato da mia madre che ha avuto bisogno dell’intervento del medico. Il giorno dopo, come richiesto dagli agenti, mi sono recato presso la stazione di polizia di Nardò ed ho consegnato il certificato del medico. E fin qui, tutto è bene quel che finisce bene, finchè la sera del 14 marzo amici, famigliari e curiosi, hanno iniziato a tempestarmi di messaggi con allegato il video di ciò che era accaduto la sera prima. Immediatamente ho riconosciuto la traiettoria della ripresa, di un “uomo” che abita a circa 20 metri da casa mia e preso dal dispiacere gli ho chiesto il motivo di quel gesto malsano in una situazione verosimilmente grave. L’autore immediatamente mi ha detto “So cosa vuoi dirmi e ti chiedo scusa”. Gli ho chiesto il motivo di quel gesto malsano e lui in preda alla vergogna ha additato il figlio adolescente di aver inviato il video “erroneamente”.
Dopo questa triste conversazione avuta con il video maker amatoriale, ho lasciato perdere la situazione, prendendola con un sorriso sarcastico, finché stasera, mi hanno comunicato che alcune testate di cronaca neretina su facebook riportavano una parte del video, senza spiegarne le dinamiche esatte.
Spero che si sia ben capito che non stavo andando a passeggio come molti mi recriminano guardando il video su facebook, ma sono uscito per un’emergenza famigliare e piuttosto giustificata. Chi mi conosce sa della mia situazione famigliare e sa che stavo solo facendo il mio dovere di figlio preoccupato in un periodo non certo facile da gestire con due genitori anziani.
Concludo ponendo una riflessione: In un periodo triste e drammatico come questo, in cui si muore a causa di un virus letale, è mai possibile che ci sia gente nascosta sui balconi di casa pronta a cogliere il primo scoop dietro l’angolo e mettere i propri concittadini alla gogna? Ed è possibile che un padre di 40 anni, possa dire per difendere se stesso che, l’invio del video sia passato per mano di suo figlio?
Cordialmente, ringrazio chi mi ha dato voce e le forze dell’ordine, sperando che questa sia una lezione per tutti.
Basta mettere alla gogna le persone senza conoscere i fatti!
M.P.

 

- Advertisement -
- Advertisement -

Stay Connected

16,985FansMi piace
2,458FollowerSegui
61,453IscrittiIscriviti

Must Read

ASS. VITAE ESSENTIA, UN ANNO DI INIZIATIVE DI CULTURA E SOLIDARIETÀ

Vitae Essentia, associazione culturale che si prefigge lo scopo di svolgere attività di promozioneculturale e di solidarietà sociale, in occasione del suo...
- Advertisement -

CORONAVIRUS, LA CITTÀ DI COPERTINO PIANGE LA SCOMPARSA DI UN 47ENNE

Una tristissima giornata per la città di Copertino. Un 47enne è morto lasciando la moglie con una figlia.L'uomo era ricoverato presso il...

Coronavirus. Galante (M5S): “Finalmente la Regione pubblica protocollo per garantire l’assistenza alle persone disabili in seguito alla chiusura dei centri diurni”

Oggi abbiamo ottenuto un risultato importante per garantire la continuità assistenziale delle persone disabili in seguito alla chiusura dei centri diurni dovuta...

Distribuite le mascherine donate all’Ordine dei Medici dal prof. Wei Xiang

Mille mascherine protettive omologate N95 sono state donate all’Ordine dei Medici di Lecce dall’amico Wei Xiang, direttore della Cardiochirurgia di Wuhan, già...

Related News

ASS. VITAE ESSENTIA, UN ANNO DI INIZIATIVE DI CULTURA E SOLIDARIETÀ

Vitae Essentia, associazione culturale che si prefigge lo scopo di svolgere attività di promozioneculturale e di solidarietà sociale, in occasione del suo...

CORONAVIRUS, LA CITTÀ DI COPERTINO PIANGE LA SCOMPARSA DI UN 47ENNE

Una tristissima giornata per la città di Copertino. Un 47enne è morto lasciando la moglie con una figlia.L'uomo era ricoverato presso il...

Coronavirus. Galante (M5S): “Finalmente la Regione pubblica protocollo per garantire l’assistenza alle persone disabili in seguito alla chiusura dei centri diurni”

Oggi abbiamo ottenuto un risultato importante per garantire la continuità assistenziale delle persone disabili in seguito alla chiusura dei centri diurni dovuta...

Distribuite le mascherine donate all’Ordine dei Medici dal prof. Wei Xiang

Mille mascherine protettive omologate N95 sono state donate all’Ordine dei Medici di Lecce dall’amico Wei Xiang, direttore della Cardiochirurgia di Wuhan, già...

CORONAVIRUS, DOPO UNA LUNGA BATTAGLIA OPERAIO NERETINO PRONTO A TORNARE A CASA

Rimane invariato il numero di contagi da COVID-19 in città.Una buona notizia, che ci teniamo ad annunciare dalle pagine del notro blog,...
- Advertisement -