Attualità

DEDICA DI SAN VALENTINO AL CLIENTE “IMPORTUNO”** VIDEO ESILARANTE**

Un ringraziamento paricolare a Massimo Colazzo E Mesciu Cicciu Danieli  per la concessione del Video.

“Scrissi questa struggente poesia qualche anno fa, per celebrare nel giorno di San Valentino l’amore criminale di quei clienti che mi amano…”

Ancora assonnato vengo colto da un incontrollabile attacco di risate che mi ha inondato di torrenti di endorfine rendendo ancora più bello il giorno della settimana già dedicato a Venere.

In un commento, poi, lui mi titilla il demone ed allora è un attimo.

Apro le note vocali e con una voce da camionista kazako ubriaco con le emorroidi, leggo l’ode e gliela invio su uòzzap.

Stiamo ancora ridendo

#venerdi
#SanValentino

Ode al cliente importuno

(di F. Danieli)

La matematica non è n’ opinione:
perciò, ogne sei fatìe ca fazzu,
mi tocca ‘nu cliente cacacazzu.

La notte ‘mpanna cu lu pinsieri mia
– li morti ti uozzappa e ci l’ha ‘nduttu!
ci no mi ‘ntasa memoria e galleria,
quasi quasi ca mi corcu bruttu.

Mi manda a fotu ccenca s’ha scucchiatu:
li greche, li disegni pi lu cessu,
ci la fuga è megghiu cu lu russu
o puramente lu stuccu cu lu ggissu.

È cazzu cu ti chiama ti Natale,
ti Pasca mentre sparanu lu pannu.
La notte, alla una e menza,
ci sta ‘mpannu.

Muggherima an capu si ndi gira tante:
si pensa ca sta chattu cu l’amante.
Invece è diddhu, cu lu pigghia coccia:
“isoliamo con la lana roccia?”.

Pozzi butta’ velenu te e ci sinti,
la razza ti li nanni tua squagghiati.
“dici che il mobiletto lì mi trase?”
Sai cce fa? ‘ffanculu a te e li case!

Back to top button
Close