PACCHI ALIMENTARI DISTRIBUITI IN COMUNE DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE. MARCELLO RISI DENUNCIA

0
1 views

Nel pieno della campagna elettorale per le politiche, a Nardò è in corso una estesa attività clientelare nella Casa Comunale. I pacchi alimentari per le famiglie disagiate vengono distribuiti direttamente da CasaPound. Calpestata ogni regola. Comandano i fuorilegge. Ipotizzabili gravi fattispecie di reato. La democrazia e i princìpi costituzionali presi a sputi.

Nel pieno della campagna elettorale per le politiche, a Nardò è in corso una estesa attività clientelare nella Casa Comunale. I pacchi alimentari per le famiglie disagiate vengono distribuiti direttamente da CasaPound. Calpestata ogni regola. Comandano i fuorilegge. Ipotizzabili gravi fattispecie di reato. La democrazia e i princìpi costituzionali presi a sputi.

Nella giornata di ieri, 21 febbraio 2018, si sono verificati nel comune di Nardò fatti molto gravi. Nelle prime ore del pomeriggio alcuni giovani appartenenti alla forza politica CasaPound, si sono introdotti nel Palazzo di Città, sotto la guida del leader cittadino del movimento Pierpaolo Giuri, candidato alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Nardò.

I militanti di CasaPound hanno prelevato decine di pacchi alimentari, senza effrazione. L’azione, dunque, è stata presumibilmente favorita da amministratori comunali ed è molto probabile che il sindaco Mellone ne fosse a conoscenza. Parte dei pacchi è stata consegnata ad alcuni cittadini recatisi in comune nonostante il mercoledì sia un giorno di chiusura degli uffici, e dunque presumibilmente convocati in precedenza. Decine di pacchi alimentari sono stati poi caricati su automezzi e successivamente consegnati a domicilio. L’operazione ha una connotazione meramente elettorale, tipica di censurabili pratiche clientelari. Molti gli aspetti riconducibili al fenomeno criminoso del voto di scambio, al reato di corruzione elettorale e ad altre ipotesi di reato.

In sintesi: CasaPound convoca i cittadini nella sede del comune con messaggi che partono direttamente dal proprio candidato alla Camera; i militanti di CasaPound consegnano i pacchi alimentari ai cittadini in comune oppure a domicilio, pur trattandosi di pacchi alimentari la cui distribuzione “compete” al comune; il candidato Pierpaolo Giuri, a pochi metri da uno strategico “gazebo” elettorale di CasaPound, guida le operazioni e chiede il voto.

Qual è in questa assurda e tristissima vicenda il ruolo del sindaco? Quali funzionari del comune hanno omesso ogni controllo sulla gestione dei pacchi alimentari? Quali funzionari del comune (se ve ne sono) possono considerarsi complici dell’operato dei militanti di CasaPound? Risultano atti amministrativi adottati contro le legge e tali da ipotizzare il reato di abuso d’ufficio? Il prelevamento dei pacchi alimentari dalla sede del comune può ritenersi regolare oppure concretizza il reato di furto? Emergono ipotesi di appropriazione indebita?

Ancora: a chi vengono concretamente destinati i pacchi? Perché i militanti di CasaPound agiscono come fossero i padroni del comune? Come è possibile che fatti così gravi si svolgano nella sede comunale con le istituzioni (politici e funzionari) che lasciano fare, voltandosi dall’altra parte e fingendo di non vedere?

È spregevole che i legittimi bisogni delle persone più disagiate diventino cinico strumento di consenso elettorale. Fino al punto da piegare anche le istituzioni a pratiche clientelari inaccettabili con la complicità del sindaco e probabilmente di altri amministratori e di funzionari.

Marcello Risi

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui