- Advertisement -
Home Politica BATTITI: MOLTI DISAGI E POCHE RICADUTE PER LA CITTÀ. UNA LOCATION SBAGLIATA...

BATTITI: MOLTI DISAGI E POCHE RICADUTE PER LA CITTÀ. UNA LOCATION SBAGLIATA PER UN EVENTO MUSICALE DI SUCCESSO

- Advertisement -

Nel calendario degli eventi estivi approntato dell’Amministrazione Comunale di Nardò compaiono alcuni appuntamenti musicali come “Battiti Live 2017”  e “La notte della Taranta”  che per la scelta infelice della location, Piazza Armando Diaz (di fronte al Palazzo Municipale) il primo e Piazza Salandra (il salotto barocco della città) il secondo, rischiano di risultare pericolosi e per nulla, secondo le intenzioni dell’amministrazione comunale, “un investimento culturale, sociale ed economico per Nardò”.

Gli  eventi sicuramente vedranno la partecipazione di migliaia di persone provenienti da tutta la Puglia per cui sono soggetti alle misure restrittive della Prefettura di Lecce. Il previsto grande afflusso di pubblico infatti obbliga  l’Amministrazione Comunale, nel rispetto delle vigenti disposizioni  in materia di sicurezza, ad adottare per le giornate interessate pesanti provvedimenti  in materia di vendita per asporto e la somministrazione di bevande di qualunque genere in contenitore di vetro o lattina e di detenere a qualunque titolo qualsiasi recipiente di vetro o lattina nei confronti degli esercenti di pubblici esercizi, esercizi commerciali, attività di commercio su area pubblica, attività artigianali del settore alimentare, circoli e altri punti ristoro situati all’interno centro urbano. In particolare per la giornata del 23 luglio relativa all’evento “Battiti Live” sarà vietato  il trasporto, la somministrazione e l’erogazione a qualsiasi titolo di carburanti di ogni genere, GPL e metano su via XXV Luglio con obbligo di disinnesco di qualsiasi forma di alimentazione elettrica e non idonea alle suddette attività, saranno rimossi tutti gli ostacoli fisici (panchine, cartelli pubblicitari, dehors, tavolini, sedie, ombrelloni e simili) presenti nell’area dell’evento, cioè via XXV Luglio (tratto compreso tra l’intersezione con via Siciliano e via Due Giugno( incrocio semaforizzato sulla strada per Galatone) fino all’intersezione con piazza Diaz e tutti i primi tratti delle strade adiacenti, in detta area sarà vietata anche la circolazione e la sosta (con rimozione coatta) dei veicoli a partire dalle ore 7 di venerdì 21 luglio e fino alle ore 14 di lunedì 24 luglio e modificata la circolazione stradale. Non riusciamo a quantificare le tante ricadute che la manifestazione arrecherà alla città ed al suo territorio se pensiamo ai costi che dovranno essere sostenuti  per la sicurezza, ai numertosi disagi che saranno arrecati alla popolazione, agli atti vandalici che purtroppo (speriamo di no) si verificheranno. Sarebbe potuta essere una bella giornata di festa e di musica se il Governo cittadino avesse individuato e pianificato in maniera più attenta la location dove tenere l’evento. I luoghi culturalmente ed artisticamente più prestigiosi della città non possono, per le loro specifiche caratteristiche, essere utilizzati per tutto, quì solo certe manifestazioni, appuntamenti culturali, momenti dedicati ad alcuni generi musicali , al teatro, alla letteratura, alle tradizioni, al paesaggio, alla fruizione del patrimonio storico e architettonico della città hanno diritto di cittadinanza.

Segreteria PD Nardò

Da leggere

IL CASO BIBLIOTECA SI SCATENA SUI SOCIAL: MAURO MARINO, NO ALLA CHIUSURA DELL’EX-CRSEC

Nardò è la seconda città del Salento. Città bella con una grande storia, un bellissimo e sontuoso borgo antico testimone di un passato nobile...
- Advertisement -

PAOLA MITA: “SONO FINTI RIVOLUZIONARI SENZA STORIA”

La giustificazione dell Assessore Tollemeto è una pezza messa male e cucita peggio! Quanto tempo ci vorrà prima che si realizzi quanto voluto dall’amministrazione? E...

“NON CHIUDIAMO UNA BIBLIOTECA, MA VOGLIAMO UN POLO BIBLIOTECARIO UNICO”

“Chi dice che l’amministrazione comunale voglia chiudere una biblioteca, si sbaglia di grosso. Al contrario l'amministrazione vuole dotare Nardò di un polo bibliotecario moderno,...

LORENZO SICILIANO: MELLONE ASFALTA LA CULTURA

Il sindaco chiude la biblioteca e non dice perché. Il Centro Servizi Culturali e Bibliotecari, nota e amata biblioteca che dimora da decenni a Nardò,...

Notizie correlate

IL CASO BIBLIOTECA SI SCATENA SUI SOCIAL: MAURO MARINO, NO ALLA CHIUSURA DELL’EX-CRSEC

Nardò è la seconda città del Salento. Città bella con una grande storia, un bellissimo e sontuoso borgo antico testimone di un passato nobile...

PAOLA MITA: “SONO FINTI RIVOLUZIONARI SENZA STORIA”

La giustificazione dell Assessore Tollemeto è una pezza messa male e cucita peggio! Quanto tempo ci vorrà prima che si realizzi quanto voluto dall’amministrazione? E...

“NON CHIUDIAMO UNA BIBLIOTECA, MA VOGLIAMO UN POLO BIBLIOTECARIO UNICO”

“Chi dice che l’amministrazione comunale voglia chiudere una biblioteca, si sbaglia di grosso. Al contrario l'amministrazione vuole dotare Nardò di un polo bibliotecario moderno,...

LORENZO SICILIANO: MELLONE ASFALTA LA CULTURA

Il sindaco chiude la biblioteca e non dice perché. Il Centro Servizi Culturali e Bibliotecari, nota e amata biblioteca che dimora da decenni a Nardò,...

Leo: grazie all’impegno di ulteriori 20 milioni di euro, garantita la continuità delle attività tra il vecchio e il nuovo programma Garanzia Giovani

“Grazie ad un ulteriore impegno pari a 20 milioni di euro e grazie alla proroga delle attività fino al 15 maggio 2021, abbiamo garantito...
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui