- Advertisement -
Home Spettacolo&Cultura AGRICOLTURA SOSTENIBILE, SI PUÒ FARE

AGRICOLTURA SOSTENIBILE, SI PUÒ FARE

- Advertisement -

È possibile oggi fare agricoltura e produrre cibo sufficiente proteggendo la biodiversità, rispettando l’ambiente e la salute umana. È questo il tema del convegnoProspettive per un’agricoltura sostenibile, in programma domani, sabato 9 dicembre, alle ore 17 presso il Chiostro dei Carmelitani (corso Vittorio Emanuele) nel quale Domenico Prisa, esperto in biotecnologie agroindustriali vegetali e microbiche noto in tutto il mondo, illustrerà le grandi potenzialità dei microrganismi in agricoltura e spiegherà l’importanza di modificare i cliché culturali e di imparare a reinserirsi nei cicli naturali da cui stiamo drammaticamente uscendo. Si tratta di un momento di confronto che sarà aperto dall’intervento del medico Carlo De Michele, che illustrerà i rapporti tra uso di fitofarmaci, pesticidi, diserbanti e la salute umana, e moderato dal presidente di Csv Salento Luigi Russo. Interverrà anche l’assessore allo Sviluppo Economico e all’Agricoltura Giulia Puglia.

agricolturaÈ possibile oggi fare agricoltura e produrre cibo sufficiente proteggendo la biodiversità, rispettando l’ambiente e la salute umana. È questo il tema del convegno Prospettive per un’agricoltura sostenibile, in programma domani, sabato 9 dicembre, alle ore 17 presso il Chiostro dei Carmelitani (corso Vittorio Emanuele) nel quale Domenico Prisa, esperto in biotecnologie agroindustriali vegetali e microbiche noto in tutto il mondo, illustrerà le grandi potenzialità dei microrganismi in agricoltura e spiegherà l’importanza di modificare i cliché culturali e di imparare a reinserirsi nei cicli naturali da cui stiamo drammaticamente uscendo. Si tratta di un momento di confronto che sarà aperto dall’intervento del medico Carlo De Michele, che illustrerà i rapporti tra uso di fitofarmaci, pesticidi, diserbanti e la salute umana, e moderato dal presidente di Csv Salento Luigi Russo. Interverrà anche l’assessore allo Sviluppo Economico e all’Agricoltura Giulia Puglia.

Fenomeni come il disseccamento degli ulivi, ma anche le epidemie che interessano di volta in volta colture diverse come kiwi, agrumi, castagne, nocciole, non sono catastrofi naturali ma il segno di gravi errori umani determinati dalla volontà di perseguire facili guadagni. La difesa da agenti patogeni non può essere vincente se non rispettando e incrementando le naturali difese immunitarie, così per il mondo vegetale come per quello animale. La fertilità non è un’invenzione dell’industria agrochimica, ma è la condizione naturale, realizzatasi nel corso di milioni di anni, che ha permesso la vita sulla terra. Oggi noi paghiamo il costo di interventi agroindustriali universalmente diffusi che hanno pesantemente intaccato gli equilibri naturali. In particolare, molte colture hanno visto ridursi le capacità di difesa naturale a causa dello stress produttivo artificialmente forzato mandando in crisi diversi settori agricoli. Finché è possibile, è necessario assumere comportamenti agricoli che non solo rispettino le necessità alimentari ed economiche ma che restituiscano alla terra la sua naturale fertilità.  

 

Da leggere

IL CASO BIBLIOTECA SI SCATENA SUI SOCIAL: MAURO MARINO, NO ALLA CHIUSURA DELL’EX-CRSEC

Nardò è la seconda città del Salento. Città bella con una grande storia, un bellissimo e sontuoso borgo antico testimone di un passato nobile...
- Advertisement -

PAOLA MITA: “SONO FINTI RIVOLUZIONARI SENZA STORIA”

La giustificazione dell Assessore Tollemeto è una pezza messa male e cucita peggio! Quanto tempo ci vorrà prima che si realizzi quanto voluto dall’amministrazione? E...

“NON CHIUDIAMO UNA BIBLIOTECA, MA VOGLIAMO UN POLO BIBLIOTECARIO UNICO”

“Chi dice che l’amministrazione comunale voglia chiudere una biblioteca, si sbaglia di grosso. Al contrario l'amministrazione vuole dotare Nardò di un polo bibliotecario moderno,...

LORENZO SICILIANO: MELLONE ASFALTA LA CULTURA

Il sindaco chiude la biblioteca e non dice perché. Il Centro Servizi Culturali e Bibliotecari, nota e amata biblioteca che dimora da decenni a Nardò,...

Notizie correlate

IL CASO BIBLIOTECA SI SCATENA SUI SOCIAL: MAURO MARINO, NO ALLA CHIUSURA DELL’EX-CRSEC

Nardò è la seconda città del Salento. Città bella con una grande storia, un bellissimo e sontuoso borgo antico testimone di un passato nobile...

PAOLA MITA: “SONO FINTI RIVOLUZIONARI SENZA STORIA”

La giustificazione dell Assessore Tollemeto è una pezza messa male e cucita peggio! Quanto tempo ci vorrà prima che si realizzi quanto voluto dall’amministrazione? E...

“NON CHIUDIAMO UNA BIBLIOTECA, MA VOGLIAMO UN POLO BIBLIOTECARIO UNICO”

“Chi dice che l’amministrazione comunale voglia chiudere una biblioteca, si sbaglia di grosso. Al contrario l'amministrazione vuole dotare Nardò di un polo bibliotecario moderno,...

LORENZO SICILIANO: MELLONE ASFALTA LA CULTURA

Il sindaco chiude la biblioteca e non dice perché. Il Centro Servizi Culturali e Bibliotecari, nota e amata biblioteca che dimora da decenni a Nardò,...

Leo: grazie all’impegno di ulteriori 20 milioni di euro, garantita la continuità delle attività tra il vecchio e il nuovo programma Garanzia Giovani

“Grazie ad un ulteriore impegno pari a 20 milioni di euro e grazie alla proroga delle attività fino al 15 maggio 2021, abbiamo garantito...
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui