CLAMOROSO: LA DIRIGENTE DI VIA XX SETTEMBRE CHIEDE INTERVENTI URGENTI PER LA VECCHIA SCUOLA MENTRE NELLE CHAT CIRCOLANO STRANI MESSAGGI

 

Dopo l’annuncio del Sindaco Mellone, col quale viene spiegato che sarà demolita la vecchia scuola di via XX Settembre per costruire un nuovo edificio scolastico moderno e polifunzionale, è successo di tutto. Una situazione paradossale e schizofrenica. L’ultima notizia è che la Dirigente ha chiesto “interventi urgenti” per il risanamento del lastricato solare, “causa di notevoli infiltrazioni nonostante recenti interventi di manutenzione”.
La lettera della Dirigente chiarisce, forse senza volerlo, che questa è una scuola colabrodo, non tanto per l’acqua quanto per i soldi! Proprio i difensori del vecchio edificio hanno ricordato che prima di Mellone su via XX Settembre è stato speso oltre mezzo milione di euro in ristrutturazioni. Una difesa che è una condanna: se dopo questo fiume di denaro la scuola è nelle condizioni in cui è oggi…. evidentemente i melloniani hanno ragione da vendere, anche questa volta.
E mentre l’edificio piange e la Dirigente chiede aiuto alle casse del Comune, nelle famigerate chat delle mamme c’è subbuglio, con uno strano messaggio col quale viene chiesto:
“Siete daccordo con la demolizione della Scuola di via XX Settembre e la ricostruzione del nuovo edificio in Via della Costituzione? Rispondete: Si – No – Non rispondo”.
Una specie di “Ti Vuoi Mettere con Me?” “Sì, No, Forse”.
Un sondaggio veramente poco serio. Sia per come è posto il quesito sia per la scarsa informazione preliminare. Nessuno può chiedere a madri e padri di esprimersi su cose che non sanno!
Il Sindaco Mellone ha spiegato diversi importanti aspetti, a iniziare dal fatto che la ristrutturazione di quella scuola non si può fare. I genitori sono stati edotti con questi elementi di conoscenza? Sicuramente no. D’altronde se oggi la scuola chiede ufficialmente interventi di ristrutturazione urgenti, questa smentisce chi nei giorni scorsi parlava di “iniziative inutili e costose” e di una scuola gioiello. Di fronte alle proposte dell’equipe di Mellone si affastellano slanci d’affetto e difese di parte, che non trovano riscontro nella realtà. C’è chi propone la ristrutturazione, addirittura col Superbonus 110%! No, signori! Il Superbonus 110%, come ha chiarito l’Agenzia delle Entrate, non può essere usato dai comuni. Inoltre il Sindaco ha spiegato che le misure PNRR individuate per interventi così imponenti non finanziano la ristrutturazione ma solo la demolizione e ricostruzione.
C’è chi dice che la demolizione e ricostruzione si potrebbe fare sempre su via XX Settembre.
Anche questa volta chi parla sbaglia oppure omette colpevolmente delle informazioni: le norme tecniche di costruzione impongono misure diverse e quindi la nuova scuola verrebbe sacrificata, con il 40% di volume in meno, così come sacrificati sarebbero i suoi alunni. Invece costruendo la nuova scuola su via della Costituzione questa potrà nascere con aule accoglienti, laboratori, spazi per lo sport. Il tutto con un finanziamento da 7.700.000 euro completamente a fondo perduto!!!
Una volta pronta la nuova scuola quella vecchia verrà demolita e le scuole in tutta la città potranno essere riorganizzate, usando per gli edifici di Via Marzano, Piazza Umberto I° (dove già ci sono alcune classi di scuola media) e Via Pilanuova, mentre al posto del vecchio edificio verrà realizzato l’atteso parcheggio da 250 posti, proprio alle porte del centro storico.
Tre piccioni con una fava. Anzi quattro o cinque… perché verrà dimostrato che Mellone ha ragione e che proseguirà come un caterpillar pronto a ignorare le critiche più pretestuose, pur di difendere la sicurezza e la salute dei piccoli, mettendoli al riparo da rischi di ogni tipo.

I commenti sono chiusi.