ATTACCO INFORMATICO ALLA SVIZZERA: COSA SI NASCONDE DIETRO?

Cybersecurity360 è una testata nazionale del gruppo Digital360 specializzata per la cyber security (sicurezza informatica), che con notizie analizzate, guide tecniche, approfondimenti e aggiornamenti quotidiani esplora la cyber security in tutti i suoi ambiti. Tecnici e normativi. Con un particolare focus sul mondo delle aziende.

2.617

La Svizzera sotto attacco informatico. La forte e crescente dipendenza dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione introduce forti vulnerabilità negli istituti finanziari svizzeri. Le interruzioni del sistema IT, in particolare a causa dei frequenti attacchi informatici, possono influire sulla disponibilità di servizi e funzioni critiche. Serdar Günal Rütsche presidente della NEDIK, la rete che sostiene le indagini contro la criminalità digitale in svizzera, ritiene che il problema sia molto più ampio e molto sottovalutato. Da inizio 2020 in aumento anche gli attacchi agli enti della pubblica amministrazione. I criminali informatici hanno minacciato di prendere di mira oltre alla pubblica amministrazione, anche aziende ed ospedali.
Ma perché la svizzera?
In Svizzera hanno sede ca. 25’500 multinazionali svizzere e straniere, ciò corrisponde a circa il 5% delle oltre 580’000 aziende registrate. Secondo le stime della Banca nazionale svizzera (BNS), circa 14’000 multinazionali sono aziende svizzere con attività all’estero. E dall’ inizio dell’anno gli attacchi ransomware da parte degli hacker continuano ad aumentare notevolmente, con circa 2.700 aziende svizzere vittime dall’inizio del 2020, grandi organizzazioni come Stadler Rail, l’appaltatore della difesa Ruag e il sito Web di confronto dei prezzi Comparis che ha negoziato il riscatto su Darknet, la somma di $ 400.000, hanno subito attacchi recenti.
Cosa sta succedendo ?
Ce lo spiega in questo articolo di oggi Benito Mirra

Attacco informatico alla Svizzera: cosa c’è dietro? La nostra analisi