LA FESTA DELLA REPUBBLICA COME MOMENTO DELLA RIPARTENZA

Festa in piazza con la consegna di un riconoscimento a chi si è distinto durante la pandemia

123
La Festa della Repubblica come occasione di ripartenza. Domani, mercoledì 2 giugno, Festa della Repubblica Italiana, Nardò si ritrova in piazza Cesare Battisti con Ripartiamo Nardò, una manifestazione organizzata dall’amministrazione comunale in cui, oltre ai momenti “istituzionali” per celebrare la nascita della Repubblica nell’anniversario del referendum istituzionale del 1946, è in programma la consegna di un riconoscimento simbolico a persone e categorie che si sono distinte in città per impegno, abnegazione e spirito di servizio durante i mesi più complicati della pandemia.
Il programma, nel dettaglio, prevede alle ore 20:30 il ritrovo delle autorità civili, militari e religiose. Alle 20:45 l’intervento di un rappresentante delle associazioni e la cerimonia dell’ammainabandiera. A seguire l’illuminazione della facciata del castello con i colori della bandiera italiana e gli interventi del sindaco Pippi Mellone e del presidente del Consiglio comunale Andrea Giuranna. Alle 21:15, come detto, la consegna dei riconoscimenti.
La “parte” musicale della serata è stata affidata ad AcutiBand, che sulla scalinata del castello vedrà esibirsi un nutrito gruppo di musicisti neretini: Alex Zuccaro al pianoforte, Giulio Rocca alla batteria, Alessio Gaballo al basso, Marcello Rocca alla chitarra, Anna Piera Toma, Tonio Carlino, Marinella Liquori, Alessandra Fedele, Benedetta Zuccaro e Benedetta Alemanno ai cori, il vocalist sarà Tommaso Zuccaro, l’ospite Andrew Zuccaro. L’evento sarà presentato da Azzurra De Razza e sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook del Comune di Nardò.
L’accesso del pubblico alla piazza sarà limitato e saranno osservate tutte le prescrizioni anti-Covid19.
“Non solo la consueta cerimonia istituzionale – spiega il presidente del Consiglio comunale Andrea Giuranna – ma anche un momento differente, con altri toni e contenuti, perché dopo tanta paura e tanto isolamento abbiamo la necessità di condividere una serata finalmente diversa, seppur con tutte le precauzioni del caso. La Festa della Repubblica sia l’occasione per la ripartenza, anche per questo consegneremo un riconoscimento simbolico a persone e categorie che durante la pandemia si sono distinte per spirito di servizio e impegno. Nardò, nelle difficoltà, si è dimostrata una grande comunità”. 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.