GATTO LATERALE
GATTO LATERALE

I 5 STELLE NERETINI, A FURIA DI FARE ALLEANZE INNATURALI, OLTRE ALL’ANIMA PERDERANNO ANCHE I POCHI ELETTORI RIMASTI

2.634

-Di G.G.-

 

La lettura di ieri dei giornali ha regalato alla nostra redazione momenti di profonda riflessione mista a fragorose risate.

Abbiamo così appreso che i 5 Stelle locali hanno deciso di uniformarsi alla linea nazionale: pronti ad allearsi con tutti, pur di tentare di arrivare al potere.

Eleonora Colazzo

E così, dopo una campagna elettorale votata esclusivamente a contrastare e screditare Michele Emiliano ed essersi accasati il giorno dopo le elezioni, prima nell’ufficio di presidenza (col neretino Casili vice di Loredana Capone) e poi in Giunta, con Rosa Barone al Welfare, accanto all’ex tanto odiato Michele Emiliano, anche a Nardó la linea del Movimento pare quella di allearsi con chiunque sia disponibile a farlo con loro, pur di arrivare, appunto, a una poltrona.

Antonella spedicato Andare Oltre

La notizia clamorosa del giorno la dá dalla sua viva voce proprio uno dei candidati sindaco, Pierpaolo Losavio, l’ex assessore e consigliere per Forza Italia, An, Uniti per Antonio Vaglio, Udc, Voce Popolare e chi più ne ha più ne metta.
Il politico di lungo corso, transitato da destra a sinistra, passando per il centro, annuncia di essere stato contattato dai 5 Stelle. Obiettivo dell’incontro? Un’unica coalizione tra gli uomini di Carlo Falangone (pochi ad onor del vero) e quelli di Pierpaolo Losavio (ancor meno dei primi).

Adriano Muci

Peccato che in questo modo i 5 Stelle finirebbero nella stessa coalizione di Losavio, a lungo beneficiario di un incarico regionale molto oneroso (per le casse pubbliche) come biologo inseminatore, presso il Centro di Procreazione Medicalmente Assistita di Nardó, e Flavio Maglio, l’uomo della costosissima (13 mila euro) mostra di uccelli impagliati chiusa al pubblico. Senza parlare dei risultati fallimentari raggiunti quando erano amministratori con le Giunte Vaglio e Risi.

Non c’è che dire. Casili e i suoi hanno appreso velocemente la lezione di Di Maio: pronti ad allearsi con chiunque per una poltrona.

Non ci meraviglieremmo di trovare i grillini neretini alleati anche di Risi, Frasca, Piccione, Dell’Anna, Siciliano e chi più ne ha più ne metta.
D’altronde, “Parigi val bene una messa!”

Ma siamo pronti a scommettere che, oltre all’anima, il Movimento, così facendo, perderá anche i pochi elettori rimasti…

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.