Differenti Per vocazione

COMMISSIONE CONTROLLO, ANCORA UNA VOLTA ASSENTI MELLONE, LA MAGGIORANZA E I DIRIGENTI COMUNALI

8

Nota stampa della commissione consiliare di controllo e garanzia guidata dal Consigliere Comunale Lorenzo Siciliano 27/11/2020

Si è riunita questa mattina alle 12.15 in modalità a distanza la commissione consiliare di controllo e garanzia guidata dal Consigliere Comunale Lorenzo Siciliano. All’ordine del giorno ben quattro importanti argomenti, che riguardavano, nell’ordine, lo “stato epidemiologico nella Città di Nardò, il servizio pubbliche affissioni, il bando di gara per la costruzione del palazzetto dello sport, la risoluzione della convenzione con il precedente gestore del chiosco bar di proprietà comunale in zona 167”. Erano presenti, oltre al Presidente Siciliano, i Consiglieri Paolo Arturo Maccagnano, Carlo Falangone, Daniele Piccione, Giancarlo Marinaci e Paola Mita. Assenti, invece, tutti i Consiglieri Comunali di maggioranza, il Sindaco, gli Assessori Capoti e Lupo, i Dirigenti D’Alessandro, Pellegrino e Scrimitore, quest’ultimo nella doppia veste di segretario comunale e Dirigente dell’area finanziaria.

La Commissione ha focalizzato l’attenzione su diverse illegittimità e opacità che interessano questioni come il bando di gara per la costruzione del palazzetto dello sport, al quale nessuna ditta ha inteso partecipare, il servizio pubbliche affissioni, gestito da una ditta che continua a lavorare per conto del Comune senza un incarico formale ratificato da apposita determinazione dirigenziale. E ancora la risoluzione della convenzione con il vecchio gestore del chiosco bar comunale in zona 167 e lo stato epidemiologico nella Città di Nardò e le misure di contenimento adottate da parte del Sindaco quale autorità sanitaria locale.

“Tutti argomenti seri che interessano la nostra comunità – afferma il Presidente della Commissione Lorenzo Siciliano – per i quali pensavamo che vi sarebbero state delle risposte concrete sia dalla parte politica che dalla parte tecnica. Invece i dirigenti invitati, i Consiglieri Comunali di maggioranza, il Sindaco ed i suoi Assessori hanno preferito non partecipare, assentandosi per l’ennesima volta senza giustificazione alcuna dai lavori di un organismo istituzionale di vitale importanza per la macchina amministrativa. Una riprova di come la parte tecnica del Comune di Nardò sia completamente prona di fronte all’organo politico, al punto da condividerne la miserevole condotta di boicottaggio della commissione di controllo e garanzia. Mi chiedo – continua Siciliano – cosa abbiano da nascondere Mellone e i suoi sodali, quale timore li pervada al punto da farli scappare a gambe levate ogni qual volta non ci sono da fare sfilate e selfie, ma assunzioni di responsabilità e chiarimenti di questioni molto poco chiare. Parliamo, per intenderci, della stessa gente che per ripulirsi la coscienza si sciacqua la bocca con i nomi di Falcone e Borsellino, intitolando uffici ad eroi del nostro tempo utili solo alla foto di rito in giacca e cravatta, salvo poi ribaltarne esempio e valori l’esatto minuto dopo la fine delle roboanti e vuote celebrazioni. Noi continueremo a svolgere il nostro dovere in modo costante e senza guardare in faccia nessuno, interessando delle questioni  trattate in commissione gli organismi di controllo competenti, perché la nostra Città non è e mai sarà un affare privato da gestire nelle stanze di palazzo. Continueremo, in sostanza, a pretendere trasparenza e rispetto della legalità. Mellone – conclude Siciliano – può continuare a scappare. Non sarà un selfie o un’offesa verso di me a sollevarlo dalle sue pesanti responsabilità.”

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.