RIZZO LATERALE
RIZZO LATERALE

IL COMUNE ACQUISISCE IMMOBILE ALL’ARCA PALACE, SALVA L’AGENZIA INPS E FA UTILI

27

Con l’apertura dell’agenzia Inps nella nuova sede all’interno dell’immobile Arca Palace di via Aldo Moro, avvenuta qualche giorno fa, si è chiuso il cerchio sulla lunga e complessa operazione patrimoniale e finanziaria su cui l’amministrazione Mellone è al lavoro da due anni. Una strategia che ha permesso il raggiungimento di tre obiettivi sostanziali: l’acquisizione al patrimonio comunale dei locali che oggi ospitano l’Inps, il salvataggio della stessa agenzia neretina, l’ottenimento di utili finanziari derivanti dalla locazione degli stessi locali.

Il percorso, come detto, è stato lungo e articolato. Nel 2011 si stabilì che la società proprietaria dell’immobile, la Aligros s.p.a., trasferisse al Comune una porzione dell’Arca Palace (cioè un intero piano di 19,5 vani e 600 metri quadri complessivi, con ingresso da via Segni, oltre al piano interrato) come corrispettivo in sostituzione del pagamento degli oneri di urbanizzazione per 577 mila euro. Questi spazi, però, sono rimasti sempre inutilizzati a causa di lungaggini e di alcune questioni tecniche sbloccate solo lo scorso anno dall’amministrazione guidata dal sindaco Pippi Mellone. Dopo mesi di valutazioni tecniche e giuridiche, infatti, il Comune di Nardò ad agosto del 2018 ha acquisito questa porzione al proprio patrimonio (tramite rogito del notaio Andreina De Nunzio di Galatone). Questo essenziale passaggio formale, che ha risolto un nodo di alcuni anni per il patrimonio immobiliare dell’ente, ha permesso poi all’amministrazione di siglare un contratto di locazione a favore dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale che, invece di chiudere la sede neretina e ovviare in questo modo alla spesa di 100 mila euro annuali della vecchia sede, vi ha trasferito i propri uffici ad un canone di poco più di 24 mila euro annui per sei anni.

“Chiudiamo un’operazione perfetta – esulta il sindaco Pippi Mellonegrazie alla quale abbiamo finalmente acquisito la proprietà di questo immobile, sulla quale portiamo avanti una battaglia sin dalla scorsa consiliatura, l’abbiamo messa a profitto con gli utili della locazione, infine abbiamo scongiurato la chiusura dell’agenzia Inps di Nardò, che sarebbe stato un problema sociale di non poco conto. Rivendico con forza, su tutti, un dato incontrovertibile: la mia amministrazione, dopo aver tagliato contratti di locazione passiva per 85 mila euro l’anno a via Volta e via San Pietroburgo e dopo aver trasferito gli uffici comunali in locali di proprietà a via Falcone e al Chiostro dei Carmelitani, passa addirittura all’incasso. Dai locali presi in affitto dagli amici degli amici, agli utili per l’ente, nel segno finalmente di una gestione virtuosa e nell’interesse dei neretini”.

“Dal 2011 al nostro insediamento non si era mosso quasi nulla – spiega l’assessore al Bilancio e Patrimonio Gianpiero Lupo – e l’immobile era rimasto nel limbo. A seguito degli sforzi dell’amministrazione Mellone, invece, valorizziamo un pezzo del patrimonio immobiliare dell’ente, che potrà godere anche di un fitto attivo dall’importo non trascurabile. Ma l’operazione è vantaggiosa anche da un punto di vista squisitamente sociale, visto che gli utenti Inps non saranno costretti a sbrigare le proprie pratiche fuori dalla nostra città”.