DA NARDÒ A PIAZZA VENEZIA. CANTINE GABELLONE: UNA STORIA CHE PARLA DEL SALENTO

0

Da Nardò a Piazza Venezia – Roma alla cerimonia per la premiazione della medaglia d’oro vinta al concorso “Mondial Bruxelles”.

Il Concours Mondial de Bruxelles ha festeggiato, in maggio 2014, 20 anni di vita. Venti anni di evoluzioni, scoperte e ricerche minuziose di vini di qualità, in giro per il mondo. Il Concours Mondial de Bruxelles ha come primaria ambizione di offrire ai consumatori una garanzia: distinguere vini d’ineccepibile qualità, veri e propri piaceri di consumo e di degustazione provenienti dai 4 angoli del mondo, per tutte le gamme di prezzo.

Questi venti anni di esperienza hanno permesso al concorso di diventare un importante riferimento tra le competizioni enologiche internazionali. Il Belgio può essere fiero di organizzare quest’incontro unico nel suo genere, conosciuto e riconosciuto dai professionali e dai consumatori del mondo intero.

 

 

 

Tenute Gabellone – La storia

“Una storia che parla del Salento, di uve e di passione per una terra in grado di esaltare la tipicità e di creare prodotti capaci di emozionare. I canoni di genuinità trasmessi di generazione in generazione ed il rispetto per le antiche tradizioni sono i principi cardine che permettono all’Azienda di occupare un ruolo di spicco nel campo della vinificazione.”

Tenute Gabellone sono una storia di radici che affondano e crescono nella terra rossa del Salento. Tre generazioni che hanno fatto del vino la loro passione ed il loro lavoro.

Non si può raccontare la nostra Azienda senza raccontare la famiglia. È una storia che comincia agli inizi del ‘900, a Nardò, Terra di agricoltori e di vigne e oliveti.

Qui, nel 1904, nasce Cosimo, il patriarca, colui che inizia a impiantare filari, a unire vigna a vigna, a produrre cercando la qualità. Suo figlio Antonio eredita da lui questa passione e a sua volta la condivide e la trasmette al figlio Marco. Oggi nella cantina lavora già la terza generazione dei Gabellone: quella dei nipoti di cosimo. In fondo è semplice: vendemmia dopo vendemmia, dai genitori ai figli, la tradizione si tramanda.

 

La filiera corta è uno dei particolari che fanno la differenza: la qualità è più importante della quantità.

I vigneti delle Tenute Gabellone, vicini al mare, si nutrono del sole caldo e generoso del Salento (tra le terre Doc di Nardò e Igt di Galatone) e restituiscono vino Primitivo, Negroamaro, Malvasia nera e Chardonnay, tutti dalle eccellenti proprietà organolettiche.

L’arte antica del vino si fonde e si arricchisce con nuove tecniche di lavorazione.

Marco e la famiglia Gabellone sono artigiani del buon bere, hanno un passato e credono nel futuro, si fidano del loro prodotto e sanno che il vino ha sempre la risposta giusta.

Tenute Gabellone – Produzione

Sedici ettari di vigneto coltivati tutti con dei nuovi impianti a spalliera: si trovano uve pregiate come lo “Chardonnay”, Malvasia nera di Lecce, Negro-Amaro e Primitivo che sono tutti vitigni autoctoni e che grazie alla loro posizione geografica a pochi km dal mare, donano ai nostri vini eccellenti proprietà organolettiche che rappresentano l’identità del gusto salentino.

Ad una parte delle nostre uve, destinate alle migliori selezioni, viene effettuato un diradamento dei grappoli 15 giorni prima della vendemmia. Tali selezioni di uve vengono poi trasformate all’interno della nostra cantina con moderne tecniche di vinificazione sempre nel rispetto dell’antica arte di fare buon vino.

I nostri vini vengono poi affinati in botti di rovere francesi ed americane ed in silos di acciaio inox, il miglior alleato per mantenere integre le caratteristiche del frutto del nostro lavoro.