LO STAFF DI MELLONE ORA È COMPOSTO DA CINQUE PERSONE

0

Ma era un’altra persona quel Mellone che sbraitava contro questi “sprechi”? O si è reso conto che la giunta non funziona come lui vorrebbe?

Pensava forse che non ci saremmo accorti, perché in campagna elettorale. Noi come i neretini siamo sempre vigili ed attenti alle nefandezze compiute dal Sindaco più incoerente e camaleontico che la storia di questa Città ricordi. E sempre pronti a denunciare pubblicamente quest’ultime.

Ma era un’altra persona quel Mellone che sbraitava contro questi “sprechi”? O si è reso conto che la giunta non funziona come lui vorrebbe?

Pensava forse che non ci saremmo accorti, perché in campagna elettorale. Noi come i neretini siamo sempre vigili ed attenti alle nefandezze compiute dal Sindaco più incoerente e camaleontico che la storia di questa Città ricordi. E sempre pronti a denunciare pubblicamente quest’ultime.

Ecco il regalino alla cittadinanza targato Pippi Mellone. Un decreto a sua firma per ampliare il suo staff da quattro a cinque componenti. Non bastavano un addetto stampa, una vigilessa che si occupasse della sua segreteria, un portavoce dalla dubbia utilità che in questi mesi è balzato agli onori della cronaca per figuracce epocali connotate da arroganza e presunzione, un addetto stampa ed un addetto ai bandi comunitari.

Ora è il turno del “capo di gabinetto”. La quinta figura a disposizione del Sindaco pro tempore che prometteva taglio dei costi ed azzeramento dei privilegi e che oggi si è circondato da una schiera di “collaboratori”. E sarebbero stati sei, gli uomini del costosissimo staff, se l’opposizione non avesse prontamente assunto una netta posizione nei confronti della nomina di un settantenne galatinese, già a processo per turbativa d’asta nell’ambito di un’inchiesta dell’antimafia.

Lieviteranno, dunque, anche i costi a carico dei neretini. Già alle stelle, considerati i 200mila euro in cinque anni sul groppone dei contribuenti per pagare uno staff che ieri rappresentava un esempio di spreco di denaro pubblico, mentre oggi pare essere indispensabile e necessitato di un costante ampliamento.

I Consiglieri Comunali di opposizione

Lorenzo Siciliano
Daniele Piccione
Roberto My
Carlo Falangone
Giancarlo Marinaci